Telco

Roaming telefonico in Europa, addio per sempre il 15 giugno

Dal 15 giugno prossimo potremo viaggiare nei paesi dell'Unione Europea senza più paura delle salatissime bollette per telefonare e andare su Internet con i nostri smartphone e tablet. Oggi il Parlamento Europeo ha dato il via libero definitivo alla fine del roaming.

Sono stati così stabiliti i limiti ai prezzi all'ingrosso dell'uso della telefonia mobile ed è stato approvato l'accordo informale con il Consiglio. I voti? 549 favorevoli; 27 contrari e 50 astenuti.

Nei giorni scorsi era stato scongiurato anche il paventato "trucco" da parte dei gestori, per evitare la cessazione del roaming. Dal 15 giugno, dunque, ci sarà il "roam come a casa", ovvero la possibilità di pagare le chiamate, gli SMS e il traffico dati come se si fosse nel proprio paese.

Roaming finisce il 15 giugno 2017
Roaming addio dal 15 giugno 2017 (Fonte: Commissione Europea)

Gli elementi chiave sono la residenza ma anche il "legame stabile" con un paese. Già, perché si è tenuto conto anche di chi lavora o studia all'estero. Gli operatori non faranno pagare alcuna tariffa di roaming per 4 mesi (e fino a un massimo di ulteriori 14 giorni); oltre questa soglia allerteranno i clienti e potranno imporre tariffe supplementari. Le cifre in ballo, oggetto di dibattito, dovranno essere comunque di poco superiori a quelle all'ingrosso.

L'obiettivo è quello di ridurre al minimo il rischio di abusi, ovvero che qualcuno approfitti di tariffe estere vantaggiose nel proprio paese di residenza.