e-Gov

Robottino Panasonic, un maratoneta a batteria

L’ormai celebre robottino Mr. Evolta, con controllo a distanza, ha portato a termine in due mesi un viaggio di 310 miglia
da Tokyo a Kyoto, raggiungendo la meta in anticipo di 2 settimane e
mezzo rispetto alla tabella di marcia inizialmente pianificata. Il
piccolo robot era alimentato a batterie e faceva una sola sosta al giorno per ricaricarle.

Il robot mascotte di Panasonic, soprannominato Mr. Evolta dal nome delle batterie proprietarie con le quali è alimentato, è alto 18 centimetri, pesa circa 1 chilogrammo ed è rivestito in fibra di carbonio e plastica. Nel corso dell’ultima impresa ha percorso le 53 stazioni della “Tokaido”, una delle più importanti e antiche strade del Giappone, alla velocità media di 2,4 km all’ora.

Mr. Evolta

Il percorso era particolarmente impervio poiché la strada è ripida e
dissestata, quindi piena di ostacoli per il piccolo robot. Una squadra di appoggio
umano ha aiutato Mr. Evolta
seguendolo passo passo con un dispositivo a infrarossi che il
robot seguiva, e sostando una volta al giorno per ricaricare le
batterie.  Potete vedere una sintesi dell’ultima impresa di Mr. Evolta in questo filmato:

Quella del 2010 è la terza sfida che Mr. Evolta porta a termine, e per
l’occasione era colorato di verde e si muoveva all’interno di una grande
ruota
che trascinava un carrello con altre 10 batterie di scorta. Due
anni fa, alimentato da due batterie alcaline, Mr. Evolta scalò il
Grand Canyon in 6 ore e 46 minuti
, arrampicandosi su una fune di 530
metri. 

L’anno successivo percorse i 27 km della gara endurance 24 ore
di Le Mans
, entrando nel Guinness dei Primati per la distanza più lunga
percorsa da una macchina a batteria con controllo a distanza. Nelle
precedenti imprese il piccolo robot era colorato in blu, mentre per
l’impresa della Tokaido è stato “vestito” di verde.

Una curiosità: il nome Evolta deriva dalla combinazione delle parole
evoluzione e voltaggio e significa crescita e grande potenza. Superando
quest’ultima sfida, il piccolo robot ha dimostrato di meritare il suo
nome.

###old598###old