Tom's Hardware Italia
Streaming e Web Service

Rogo di Notre-Dame e sciagurato epic fail di Youtube

YouTube, ieri durante i live streaming del rogo di Notre-Dame, ha attivato stringhe testuali che richiamavano la tragedia dell'11 settembre 2001.

Il rogo della Cattedrale di Notre-Dame ieri sera ha scioccato il mondo e come se non bastasse YouTube ha appiccicato ai live streaming una striscia testuale che richiamava gli attacchi dell’11 settembre 2001. Il pannello fortunatamente (per Google) è stato mostrato solo agli utenti statunitensi e sudcoreani.

Si è trattato di un errore. Da Mountain View hanno fatto sapere che l’algoritmo stabilisce in automatico quando un video sta diventando virale e di conseguenza attiva un elemento informativo correlato – basato su fonti verificate – per contrastare la diffusione di fake news o teorie cospirazioniste.

“Siamo profondamente rattristati dal rogo in corso nella cattedrale di Notre-Dame”, ha dichiarato ieri a Business Insider un portavoce di YouTube. “L’anno scorso abbiamo lanciato pannelli informativi con link a fonti di terze parti come Encyclopedia Britannica e Wikipedia per argomenti soggetti a disinformazione. Questi pannelli si attivano ​​algoritmicamente e talvolta i nostri sistemi prendono una decisione sbagliata. Stiamo disabilitando questi pannelli per i live streaming relativi all’incendio”.

Quanto accaduto lascia pensare. Vi è senza dubbio un nesso emotivo tra le immagini dell’11 settembre e quelle di ieri. Più commentatori di fronte alla portata simbolica dell’incendio – Notre-Dame non è “solo” una cattedrale ma un’icona francese e cristiana – hanno richiamato alla memoria le fiamme delle Twin Towers. Come ha fatto l’algoritmo a selezionare fra le tante voci enciclopediche proprio la tragedia del 2001?

La risposta più banale potrebbe essere quella legata al tentativo di alimentare nell’immaginario degli utenti lo spettro del terrorismo. La speranza è che non corrisponda al vero, ma si sia trattato (solo) di un gravissimo errore tecnico. Però il dubbio rimane.