Tom's Hardware Italia
Telco

Router libero per tutti, si riaccende la battaglia

Aires, l'associazione dei venditori specializzati, e Vtke, l'Associazione dei fabbricanti di terminali TLC chiedono all'AGCOM di intervenire sulla questione router.

Aires, l'associazione dei venditori specializzati, e Vtke, l'Associazione dei fabbricanti di terminali di telecomunicazione hanno domandato all'AGCOM di garantire la libertà di router.Da tempo, com'è risaputo, è in atto una battaglia contro le telco per ristabilire il diritto per gli utenti di impiegare le apparecchiature che preferiscono. Non è chiaro per quale motivo si debba essere costretti a usare i router forniti dagli operatori, che spesso sono nettamente inferiori a qualsiasi prodotto presente sul mercato. Non meno importante il fatto che se li facciano strapagare e grazie a questi applichino vincoli contrattuali da 24 mesi.

router

Aires, per i venditori, e Vtke, per i produttori, hanno rotto gli indugi. "Il tema è già entrato nelle aule parlamentari anche in Italia, e per certi versi parrebbe che l'attuale legislazione tuteli già il principio del router libero", si legge nella nota congiunta.

"Ma gli Internet provider italiani hanno 'forzato' l'interpretazione, identificando il router non tanto come un apparato di proprietà e di libera scelta e configurazione da parte dell'utente, ma come ultimo terminale della rete pubblica, su cui è necessario che il gestore abbia il pieno controllo per garantire il buon funzionamento della rete".

Lo sa bene il deputato Ivan Catalano (Civici Innovatori) che da tempo sta portando avanti una battaglia in sede parlamentare per far rispettare questo diritto.

router 1

Non solo è una limitazione della libertà dell'utente e incide sulla difficoltà a cambiare gestore, ma presenta diversi rischi per la sicurezza. "Con i router dei gestori tutti uguali e configurati serialmente, l'identificazione di una vulnerabilità diventa una facile porta di ingresso verso tutte le reti locali e i dati degli utenti da parte dei malintenzionati", puntualizzano le associazioni.

Emblematico il recente caso di Wind-Infostrada e anche quello analogo di Deutsche Telekom nell'autunno del 2016 quando andarono in blocco bene 900.000 router. E dire che è proprio il dispositivo che permette di rendere il servizio ancora più neutrale, poiché i gestori avrebbero maggiore difficoltà a privilegiare un servizio invece che un altro.

"Per questo motivo si ritiene che Agcom, nell'ambito della propria attività di regolatore, operando a favore della tutela dei cittadini e dei loro diritti digitali, debba sancire che il router non è un nodo della rete pubblica ma debba essere considerato piuttosto il primo apparato della rete locale, e quindi sotto il controllo dell'utente", prosegue la nota.

router 2

"In pratica, va sancito il confinamento della rete pubblica (sulla quale ha senso che il gestore abbia il pieno controllo) fino alla borchia di rete fibra-rame e non all'apparato; il router è e deve restare il cuore della rete locale sulla quale l'utente non può che avere il pieno ed esclusivo controllo".

In Germania da agosto 2016 è applicata una legge che consente il libero uso di apparecchiature e non è chiaro per quale motivo l'Italia debba fare eccezione. 


Tom's Consiglia

Sarrebbe bello poter impiegare liberamente, senza alcuna configurazione a casacata e con la telefonia abbinata, un router Fritz.