Tom's Hardware Italia
e-Gov

Samsung AMOLED flessibili sicuramente nel 2013

Il Wall Street Journal sostiene che i primi AMOLED flessibili firmati Samsung saranno disponibili da giugno 2013. Dopodiché toccherà ai produttori di dispositivi mobili, che in questo momento stanno già vagliando i prototipi per smartphone e wearable.

I primi schermi AMOLED flessibili di Samsung saranno disponibili dalla metà del prossimo anno. Secondo il Wall Street Journal la nuova generazione di pannelli consentirà soprattutto in ambito smartphone e wearable di osare di più nel design. In verità la produzione di massa è stata rinviata di qualche trimestre per il grande successo delle linee tradizionali AMOLED.

Se in questo caso si parla di 64 mila substrati in vetro al mese, per i flessibili a pieno regime si arriverà 24mila – ma ci vorrà del tempo. Ovviamente non è scontato che i primi dispositivi mobili di questa rivoluzione siano pronti per l'estate. Verosimilmente si potrà vedere qualcosa nei negozi entro la fine del 2013.

Youm

Nello specifico gli AMOLED flessibili YOUM si basano sull'impiego di materiale flessibile di tipo plastico. Il risultato è quello di ottenere pannelli più sottili, resistenti e luminosi. Sotto il punto di vista industriale invece Samsung potrebbe assicurarsi una sufficiente diversificazione per consolidare ulteriormente la sua leadership di mercato.

Sempre secondo il quotidiano statunitense i primi prototipi sarebbero stati consegnati a diversi clienti-partner. "Il motivo chiave per cui Samsung usa la plastica invece che il vetro convenzionale è dovuto all'esigenza di produrre schermi infrangibili. Questa tecnologia può anche aiutare a ridurre i costi produttivi e differenziare i prodotti rispetto ai rivali", ha commentato Lee Seung-chul, analista di Shinyoung Securities.

Il successo del progetto però non è garantito, come insegna la storia. Sony vi sta lavorando ad esempio dal lontano 2002, e solo nel 2010 è riuscita a mostrare un prototipo funzionante "commerciabile" da 4,1 pollici.

"Samsung è impegnata anche nella realizzazione degli schermi in vetro del Galaxy S III e del  Galaxy Note II, quindi la dispersione di profitto generata dai nuovi non sembra essere così attraente", ha aggiunto Julius Kim, analista di Woori Investment & Securities.

Insomma, il problema non è tecnologico bensì di gestione dei costi produttivi, che inevitabilmente si riverberano sui prezzi finali per i produttori di dispositivi mobili. Non avrebbe senso avviare delle linee per realizzare pannelli costosi che pochi potrebbero permettersi.