Tom's Hardware Italia
Home Cinema

Samsung schiera gli AMOLED contro la recessione

Samsung, insieme a molte aziende coreane, sta battendo la via della ristrutturazione. Per uscire più forte dal periodo di crisi si punta sugli AMOLED, gli schermi flessibili. Su molti posti di lavoro, però, pende una spada di Damocle.

Samsung risponde alla crisi con la ristrutturazione: si passa ad un migliore processo di produzione, si fa spazio agli AMOLED, e per il momento non si licenzia.

Secondo alcuni analisti la ristrutturazione è la strada da seguire, per le imprese coreane, anche se, secondo Yoo Byung-Kuy, dell'istituto di ricerca Hyundai, in questo caso si sta lavorando per essere più competitivi quando finirà la crisi.

Insomma, stanno cercando di avvantaggiarsi il più possibile, per scattare in avanti quando sarà il momento.

Samsung rivedrà le proprie fabbriche: passerà a processi di fabbricazione più efficienti per i wafer (da 8 a 12 pollici), e riconvertirà 3 dei suoi 4 impianti di produzione LCD in fabbriche di AMOLED (Active Matrix OLED, gli schermi flessibili).

Un portavoce dell'azienda spiega che "Il tempo non ci permette di ristrutturare in altre direzioni. Sappiamo che ci aspetta almeno un trimestre di perdite, ma questi cambiamenti ci permettono di essere ottimisti sul lungo termine".

Samsung SDI sta anche considerando di ridurre, o fermare de tutto, la produzione di pannelli al plasma, una mossa simile a quella fatta da LG Display.

In molti credono, soprattutto dopo i licenziamenti di Sony, che l'onda forte della crisi stia per colpire il settore IT asiatico, e che potremmo assistere a nuovi drammi, fatti da licenziamenti e chiusure, mano a mano che cala la domanda di TV, computer e altri prodotti elettronici.

L'Asia, però, finora ha mostrato comportamenti un po' differenti: la maggior parte delle aziende asiatiche ha evitato licenziamenti di massa, anche se per i prossimi mesi ci sono molte preoccupazioni, soprattutto per le sedi in Europa e USA, e per il crollo della domanda atteso nei rispettivi mercati.

Speriamo che la scelta di Samsung, puntare su una nuova e promettente tecnologia, si mostri azzeccata. Forse dovrà licenziare, ma, speriamo, poco dopo avrà ragioni per ricominciare ad assumere.