Spazio e Scienze

Scambi d’anime e spiriti coinquilini

Pagina 2: Scambi d’anime e spiriti coinquilini

Un racconto basato su una sostituzione di anime è Esther Kreindel Seconda, del premio Nobel per la letteratura 1978 Isaac B. Singer. Esther Kreindel è morta ma la sua anima non riesce a trovare pace, perché il marito, Reb Zorach Lipover, è disperato. Così, per singolare privilegio di Dio, entra nel corpo della giovane Simmele e le trasferisce tutti i suoi ricordi, le sue conoscenze, il suo stesso carattere, al punto che, dopo una comprensibile sorpresa, quasi nessuno dubita più del fatto che Esther sia tornata in vita nel corpo di Simmele.

È un racconto molto poetico, struggente in qualche parte, ma ai nostri fini interessano due particolari:

  1. Dell'anima della giovane Simmele sembra non rimanere traccia; Esther comunque le assicura che, dopo la morte, entrambe siederanno a fianco di Reb Zorach come sue legittime spose;
  2. Con l'ingresso dell'anima di Esther nel corpo di Simmele, anche l'aspetto fisico della ragazza comincia a cambiare, quasi ad indicare che l'anima bene o male trasforma il corpo in cui vive.

bg0z square 1536[1]

Singer non offre spiegazioni, ed anche il richiamo alla volontà di Dio suona in modo poeticamente ambiguo:

Il mondo è pieno di enigmi. È possibile che neppure Elia riuscirà a rispondere a tutte le nostre domande quando verrà il Messia. Persino Dio nel settimo cielo può non aver risolto tutti i misteri della Sua creazione. Può essere questa la ragione per cui cela il proprio volto. 

A volte – direi anzi che è la forma più comune – il "trasbordo" in corpi diversi si esprime sotto la forma della coabitazione di due anime, una specie di invasamento, per cui l'anima del nuovo arrivato prevale su quella dell'ospite, e obbliga il corpo a fare quello che vuole lei. Nella fantascienza troviamo per esempio uno dei più spaventosi romanzi mai stati scritti su questo tema, ossia Il terrore dalla Sesta Luna, di Robert Heinlein (The Puppet Masters, 1951) da cui fu tratto anche un film diretto da Stuart Orme (1994).

MV5BMjIwMjk3NjE4M15BMl5BanBnXkFtZTcwODc0NzgwMw@@  V1 SY1000 CR0,0,1543,1000 AL [1]

Il romanzo è ambientato ai nostri giorni (ma nel futuro rispetto al momento in cui fu scritto):

Il 12 luglio 2007 cominciò troppo presto, col telefono che mi strillava nella testa. Perché bisogna sapere che il sistema telefonico usato dalla mia Sezione non è dei tipi normali, ma consiste in un audiorelais inserito chirurgicamente dietro l'orecchio mediante rimozione parziale della calotta cranica.

La storia è quella della scoperta di un disco volante, Al suo interno materia vivente, flaccida e mucillaginosa; partiti da Titano, sesta luna di Saturno, sono arrivati i temuti invasori, che hanno una caratteristica singolare: si possono infilare sotto le vesti degli umani e, dalla base della schiena, si inseriscono nel sistema nervoso, controllando il corpo dello sventurato di cui si sono impadroniti.

Vincerli, non sarà affare da poco.