Tom's Hardware Italia
e-Gov

Schermi flessibili migliori? Copiamo polpi e calamari

I polpi e i calamari sono in grado di cambiare il colore e la consistenza della loro pelle per sfuggire ai predatori. Una capacità che è stata replicata in laboratorio e potrebbe migliorare gli schermi flessibili del futuro.

La tecnologia a volte ci stupisce, ma la natura c'insegna che abbiamo ancora tanto da imparare. Alcuni animali fanno cose per sopravvivere davvero fenomenali, di grande ispirazione per noi esseri umani. Un esempio calzante è quello dei cefalopodi (polpi, calamari e seppie), dei veri artisti nel campo della mimetica: sono in grado di cambiare il colore e la consistenza della loro pelle in pochi secondi per sfuggire a un predatore o attendere un lauto pasto. Lo fanno contraendo i muscoli e attivando così i cromatofori, delle sacche pigmentose che sono presenti nella loro pelle.

Le immagini mostrano consistenza (in alto) e luce fluorescente (in basso) prodotta da un nuovo elastomero sintetico che può mimare alcune delle abilità di camuffamento di polpi e altri cefalopodi.

I ricercatori di tutto il mondo provano da tempo a duplicare queste capacità con materiali sintetici, ma non è affatto semplice – l'evoluzione d'altronde ci ha messo milioni di anni. Ora però, grazie a un team guidato dal Xuanhe Zhao del MIT e Stephen Craig della Duke University, forse abbiamo trovato la chiave per replicare cotanta magia.

Il team ha infatti avuto successo nella creazione di un materiale flessibile che può cambiare colore o fluorescenza, oltre che consistenza in risposta a una tensione applicata. Secondo il professor Zhao il nuovo materiale è composto essenzialmente da uno strato di elastomeri (un polimero flessibile e allungabile) elettronicamente attivo adattabile con relativa facilità ai processi di produzione tradizionali – i materiali impiegati sono ampiamente disponibili.

Per le prime dimostrazioni il materiale è stato configurato per rispondere alla tensione esibendo trasformazioni sia nella consistenza che nella fluorescenza, oppure nella consistenza e nel colore. "Abbiamo sfruttato un fenomeno fisico scoperto nel 2011. L'applicazione di tensione può cambiare dinamicamente la consistenza superficiale degli elastomeri", ha affermato Zhao.

"La consistenza e la deformazione dell'elastomero attiva speciali molecole meccanicamente sensibili incorporate nell'elastomero, inducendo fluorescenza o un cambiamento del colore in risposta alle variazioni di tensione", ha aggiunto Craig. "Una volta che la tensione viene rimossa, l'elastomero e le molecole tornano al loro stato di rilassamento – come la pelle del cefalopode con i muscoli rilassati".

Le applicazioni immediate di questa scoperta potrebbero essere legate al campo militare (pensate alle tute dei soldati) e ai rivestimenti "antivegetazione" per navi, ma lo stesso approccio potrebbe portare alla produzione di grandi schermi flessibili più avanzati delle soluzioni attuali e soprattutto in grado di funzionare ogni ambiente.