e-Gov

SCO e Novell passano alle maniere forti

Con una stretta serie di botta e risposta, SCO Group e Novell hanno ulteriormente alimentato quella disputa che verte su chi, delle due, detiene i copyright di UNIX. A suffragio delle proprie tesi, le due vecchie rivali hanno pubblicato sui propri siti un certo numero di documenti e, sulla base di questi, fornito opposte interpretazioni delle clausole, spesso ambigue, che infarciscono i contratti con i quali Novell vendette a SCO certe proprietà relative a UNIX System V.

In particolare, al centro dell’alterco c’è un contratto, chiamato "Asset Transfer Agreement", firmato da entrambe le aziende nel 1995. Mentre SCO sostiene che tale contratto le ha fatto acquisire, insieme al codice sorgente e altre proprietà, anche tutti i copyright su UNIX, Novell afferma che nel documento era presente un emendamento che limitava drasticamente il numero di diritti trasferiti a SCO. Oltre a questo, Novell dice che, senza la propria autorizzazione scritta, SCO non avrebbe neppure il diritto di concedere in licenza le tecnologie o il codice di UNIX.

Proprio in questi giorni SCO ha fatto pervenire a IBM una lista di file e di porzioni di codice che, a suo dire, violano il contratto di licenza di UNIX. SCO ha ammesso che la lista, che fa riferimento ad un documento di 60 pagine di linee di codice, non è ancora completa, ma conta di inviare a IBM le dovute aggiunte in tempo per soddisfare, il 23 gennaio, l’ingiunzione con cui il tribunale l’ha obbligata a mostrare le prove a supporto delle sue accuse.

Novell, che lo scorso anno ha registrato un certo numero di brevetti su UNIX già registrati in precedenza da SCO, ha pubblicato sul proprio sito oltre una trentina di documenti, fra cui la corrispondenza intrattenuta con SCO, ed una sintesi, disponibile qui in formato PDF, della propria interpretazione del contratto di vendita del 1995. Proprio negli scorsi giorni l’azienda ha ribadito alcune delle sue posizioni relative alla questione dei brevetti.

In risposta a Novell, SCO ha rilasciato una serie di documenti che comprendono il testo integrale dell’Asset Purchase Agreement e alcuni comunicati stampa dell’epoca.

Darl McBride, presidente e CEO di SCO, ha ribadito che la sua azienda “è determinata a far valere i propri diritti fino a livello degli utenti finali, cosa che risulterà evidente dalle azioni che intraprenderemo nelle prossime settimane”. Dunque c’è da attendersi, entro breve, l’annuncio dell’avvio delle prime querele contro alcune delle più grandi aziende al mondo che utilizzano Linux.

Riteniamo che l’annuncio d’indennizzo da parte di Novell – ha poi commentato McBride – sia significativo per alcune ragioni. Annunciando il programma, Novell chiaramente riconosce che sussiste un problema con Linux. Le restrizioni e i limiti di tale programma dimostrano inoltre che gli stessi responsabili di Novell non sono disposti a puntare fino in fondo sulla loro posizioneâÂ?.