Spazio e Scienze

Scuole e astronauti in comunicazione grazie ai radio amatori

Gli studenti potranno presto assistere in tempo reale alle trasmissioni TV in diretta via satellite con gli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), dialogando con gli astronauti anche in italiano. L'hanno comunicato tramite Sat Cafè – il Digital Magazine di Eutelsat Italia – i vertici di AMSAT Italia (associazione di radioamatori che si occupa di teoria e pratica di telecomunicazioni satellitari a livello amatoriale). Per capirne di più abbiamo intervistato Emanuele D'Andria, presidente di AMSAT Italia.

Il progetto, che è stato battezzato HAMTV, parte da lontano, con prototipi e sperimentazioni che si sono susseguite nel tempo. "Finora i collegamenti con le scolaresche avvenivano solo in modalità audio. La svolta è stata possibile grazie all'astronauta Paolo Nespoli, che ha sollecitato la possibilità di attivare connessioni anche video in maniera tale da poter far vedere agli studenti anche cosa succede a bordo della navicella spaziale".

Presto collegamenti audio e video con la ISS anche per le scuole

Le connessioni audio e video esistono già per intenderci, come quelle che abbiamo visto con il Premier Letta, ma "si tratta di collegamenti istituzionali che vengono fatti attraverso NASA Television e richiedono una dotazione tecnica abbastanza costosa".

"Per la connessione che verrà attivata grazie al progetto di AMSAT bastano invece apparecchiature amatoriali fornite dagli amatori che – come hanno fatto finora con la dotazione radio – metteranno a disposizione delle scolaresche italiane la strumentazione di loro proprietà, senza alcun onere per scuole e studenti".

Grazie alla strumentazione prodotta dall'azienda italiana Kaiser e caricata sul missile giapponese che qualche giorno fa ha raggiunto la ISS, arriverà presto il momento della prima trasmissione TV in diretta dallo spazio. D'Andria non vuole dare una termine preciso, ma auspica che inizino per fine settembre o al massimo i primi di ottobre.

"Ora il cargo è agganciato alla Stazione Spaziale e nei prossimi giorni tutti i materiali verranno scaricati". L'inizio delle trasmissione è subordinato ai tempi necessari per scaricare l'attrezzatura all'interno del modulo Columbus della ISS e collaudarla.

Studenti e astronauti sempre più vicini grazie alla tecnologia italiana

Kaiser non ha solo prodotto l'attrezzatura, ma si è anche interfacciata direttamente con l'ESA ponendosi come interlocutore strutturato rispetto all'Agenzia Spaziale Europea e dando tutte le garanzie necessarie per il riconoscimento del finanziamento. Il progetto è quindi di AMSAT Italia, che è anche subcontractor di Kaiser in quanto consulente sulle telecomunicazioni.

La nota interessante di questa iniziativa è che "potranno beneficiarne i programmi educativi di tutte le agenzie spaziali che partecipano al progetto della ISS. La matrice italiana è importante perché consente ai nostri studenti di interloquire con gli astronauti in lingua italiana. Per le scolaresche estere invece verrà data precedenza alla lingua inglese, salvaguardando così la componente internazionale della Stazione Spaziale Internazionale".

"Un comitato di valutazione passerà al vaglio le richieste delle scuole che faranno domanda per i collegamenti con la ISS". Un altro progetto italiano di respiro internazionale, che andrà a beneficio degli studenti di tutti i paesi coinvolti nella Stazione Spaziale Internazionale. Lo spazio sta dando sempre più soddisfazioni al nostro Paese.