e-Gov

Skype ha comprato Qik, la scommessa sono i video

Skype ha acquisito Qik, piattaforma che consente di fare lo streaming di video in tempo reale su Internet da dispositivi tascabili. L’esborso dell’operazione – che si completerà entro la fine di gennaio – non è stato svelato da Skype, ma la voce che si rincorre parla di 100 milioni di dollari.

Con questa acquisizione Skype punta chiaramente sui video: non solo telefonate via rete VoIP e chat, come sempre, ma anche videochiamate e possibilità di registrare filmati per poi condividerli oppure mostrarli in tempo reale attraverso diverse piattaforme.

A dare la notizia dell’operazione è stato Tony Bates in persona, amministratore delegato di Skype, durante il CES 2011. “Qik ha 60 impiegati e il suo quartier generale è a Redwood City, California. Ha anche un ufficio a Mosca. Qik è disponibile su oltre 200 telefoni con sistemi operativi Android, iOS, Symbian, BlackBerry OS e Windows Mobile ed è precaricato su diversi dispositivi tascabili grazie a partnership con produttori e operatori”.

Condividiamo lo scopo comune di arricchire le comunicazioni con video e l’acquisizione di Qik aiuterà ad accelerare la nostra leadership nei video aggiungendo le capacità di registrazione, condivisione e archiviazione al nostro portfolio prodotti. Con questa acquisizione ci avvantaggeremo inoltre dell’esperienza degli ingegneri che hanno dato vita alla tecnologia Smart Streaming di Qik, in grado di ottimizzare la trasmissione video su reti wireless”.