Fotografia

Sony e Zeiss, troppo successo per il 50mm F1.4

Il lancio dell'ottica Zeiss Planar 50mm f/1.4 T* ZA (cioè nella versione con baionetta Sony Alpha) è stato posticipato a causa del numero "eccezionalmente alto di richieste". Pare quindi che, nonostante l'abbondanza (e l'indubbia praticità) degli zoom estremi, la domanda di ottiche fisse di qualità si ancora molto alta tra gli appassionati.

Il nuovo standard, che includerà nello schema ottico due elementi asferici e adotterà un diaframma a 9 lamelle arrotondate, è ora atteso per il 10 luglio – ancora in tempo per le vacanze.

Nel frattempo, Zeiss ha alzato parzialmente il sipario anche sulle sue prime ottiche per mirrorless, che saranno disponibili per i sistemi Sony E-mount e Fujifilm X-mount. Si chiameranno Touit e saranno, inizialmente, due: un 18mm f/2.8 e un 32mm f/1.8.

Il primo, costituito da 11 elementi in 8 gruppi, equivarrà a un 18mm nel formato 35mm e offrirà quindi una prospettiva grandangolare estrema in meno di 300 grammi e con un ingombro di 68x88mm. La versione per Fujifilm sarà dotata di ghiera dei diaframmi in accordo con il modo d'uso del corpo macchina.

Il 32mm, invece, fungerà da normale (48mm equivalenti) e sarà il classico obiettivo compatto per ritrattistica e street photography. In questo caso, 60x75mm e 200 grammi di peso. Purtroppo, le informazioni vengono date con il contagocce e ancora nulla si sa riguardo ai prezzi di listino o alla reale disponibilità.