Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
Home Cinema

Sony Xperia Touch rende touch ogni superficie

Sony Xperia Touch è un nuovo proiettore che al Mobile World Congress 2017 ha attirato molto l'attenzione perché consente di trasformare ogni superficie in una sorta di desktop touch HD da 23 pollici.Le dimensioni sono di 69 x 134 x 143 mm, mentre il peso è di soli 932 grammi. La tecnologia di riferimento è Sony SXRD, quindi basata su LCD. La risoluzione è di 1366 x 768 pixel. La sorgente permette una luminosità di 1000 lumen; il rapporto di contrasto è di 4.000:1. Non mancano altoparlanti integrati a due vie.

01 Xperia Touch Front
Sony Xperia Touch

Lo spazio di archiviazione interno è di 32 GB, ma grazie allo slot micro SD si può espandere a piacimento. La memoria RAM LPDDR3 è di 3 GB. Presenti anche diversi sensori: GPS, accelerometro, giroscopio, ambientale, rilevamento presenza, barometro, temperatura e umidità.

L'alimentazione è possibile tramite porta USB o affidandosi alla batteria integrata. Non mancano i supporti Wi-Fi 802.11ac, micro HDMI, USB-C, Bluetooth 4.2, NFC, e Miracast.

Sony Xperia Touch

Xperia Touch può funzionare in due modalità. La prima è quella interattiva; la seconda è quella classica per la proiezione di video o foto. L'interazione touch è possibile grazie alla presenza di una videocamera da 13 Megapixel (60 FPS) e un sistema infrarosso che abilita il multi-touch in 10 punti. Nella modalità classica la dimensione delle proiezioni può arrivare fino a 80 pollici.

Sony Xperia Touch

Il sistema operativo è Android Nougat, quindi l'accesso a Google Play consente di installare tutte le applicazioni che si desiderano per far fronte a ogni esigenza. Da rilevare che la home, in modalità touch, permette di accedere a tutta una serie di funzioni di base come calendario, video-chiamate Skype, lavagna elettronica, ricerca online, mail, etc. La presenza di un microfono integrato rende possibile anche l'impiego di Google Assistant. Molto interessante la modalità streaming per il gioco con Playstation 4 Remote Play.

Il prezzo di listino è salato: dalla prossima primavera toccherà sborsare 1.499 euro.