Tom's Hardware Italia
Sicurezza

Spiare un telefono o attaccare un sito web? C’è il listino prezzi

Il crimine informatico è diventato uno strumento accessibile a tutti. Basta pagare e si possono violare account, colpire siti, rubare denaro.

Quanto costa assumere un criminale informatico? Ce lo svela un recente articolo di Business Insider, che mette insieme alcune informazioni sulle “tariffe” per i molti servizi che si possono comprare online, se si sa dove andare e a chi rivolgersi. Un vero e proprio “borsino” del crimine informatico, che mostra in effetti quanto sia economico e vantaggioso.

Per esempio, chi volesse colpire un sito web e tentare di metterlo offline con un attacco DDoS può farlo spendendo da 5 ai 25 dollari l’ora, e ci sono offerte “a pacchetto” per chi vuole attaccare per un giorno intero.

Il grande classico dei film, il furto di denaro da un conto corrente o carta di credito, si paga invece una percentuale sul maltolto. Volete rubare 1000 euro ma non sapete come fare? Dovrete pagarne 40 circa al vostro “operatore” (dati del 2016), che provvederà a trasferirvi il denaro direttamente sul conto. Ma più probabilmente incapperete in un truffatore che si terrà i vostri 40 euro e basta. Cifre un po’ più alte, ma non molto, per avere il numero di una carta di credito valida e funzionante.

Un’operazione meno nota è il trasferimento di punti fedeltà, come quelli delle compagnie aeree, ma si potrebbe applicare anche al vostro supermercato di fiducia. Non avete abbastanza punti per ottenere gratis quel bellissimo set di tazzine? Nessun problema, potete rubare i punti a qualcun altro, pagando da 10 a 200 dollari secondo l’entità del furto. Si arriva anche a cifre più sostenute ma ne vale la pena: 450 dollari per 1,5 milioni di miglia bastano per fare il giro del mondo (ammesso e non concesso che evitiate di finire in galera).

Photo credit - depositphotos.com

Violare un account Instagram, Gmail, Yahoo o simili costa invece 129 dollari. Se invece volete leggere email di qualche server aziendale il prezzo sale fino a 500 dollari – coerentemente con il valore delle informazioni e la maggiore difficoltà dell’attacco su uno specifico bersaglio.

Se invece volete mettere sotto controllo il telefono di qualcuno c’è un app in abbonamento che costa circa 20 euro al mese. La propongono come strumento per “genitori e datori di lavoro”: è legale e bisogna mettere le mani sul dispositivo per metterci quello che in effetti è uno spyware. C’è chi offre invece attacchi in remoto, che costano (pare) da 500 a 5.000 dollari.

Potete perdere tempo a cercare criminali prezzolati online, oppure scoprire il mondo dell’hacking con Hacklog Volume 1 Anonimato: Manuale sulla Sicurezza Informatica e Hacking Etico di Stefano Novelli.