Streaming e Web Service

Spotify, stop alla condivisione selvaggia dell’abbonamento?

L'abbonamento a Spotify Premium for Family a breve non potrà essere più condiviso con amici o parenti che risiedono in luoghi differenti dall'intestatario dell'account? L'incubo di milioni di utenti rischia di diventare realtà, perché più fonti giornalistiche autorevoli – come Quartz e Spiegel Online – confermano che alcuni abbonati statunitensi e tedeschi avrebbero iniziato a ricevere mail di richiesta di localizzazione. Ovvero Spotify starebbe domandando ai suoi clienti Premium for Family (c'è anche in Italia) di cliccare su uno specifico link per consentire via browser la localizzazione del PC o via GPS tramite smartphone.

Non si tratta dell'introduzione di una tecnologia innovativa, bensì semplicemente dell'intenzione di Spotify di far rispettare i termini contrattuali. L'abbonamento "Premium for family" consente di condividere il servizio con cinque famigliari residenti nello stesso luogo. È sempre stato così sulla carta, ma il colosso svedese non si è mai impegnato a controllare troppo per favorire la diffusione del suo servizio.

Si parla insomma di condividere in cinque un abbonamento Premium da 14,99 euro al mese, quando la versione normale (sempre Premium) ne cosa 9,99. Un bel risparmio ovviamente.

Spotify Premium for Family
Spotify Premium for Family

Billboard non a caso ha stimato recentemente che circa il 50% degli abbonamenti legati ai servizi streaming musicali a pagamento viene condiviso per abbassare i costi. Il tema però è diventato sempre più caldo, soprattutto da quando Spotify è sbarcato al New York Stock Exchange nel febbraio 2018. La situazione è precipitata quando nel secondo trimestre è stato rilevato un calo del 12% dei ricavi.

conferma

E quindi? L'unica soluzione in prospettiva non poteva che essere un'entrata a gamba tesa sugli abbonamenti. Non è ancora chiaro se questa operazione verrà estesa a tutti i Paesi e a tutti i clienti. Anche perché Spotify ha assicurato che per ora la mancata conferma non genera effetti.

L'unica certezza è che "sta attualmente testando miglioramenti per l'esperienza utente di Premium for Family in piccoli gruppi in mercati selezionati", come ha sottolineato l'azienda. "Stiamo sempre testando nuovi prodotti ed esperienze in Spotify, ma non abbiamo ulteriori notizie da condividere riguardo a questa particolare caratteristica attualmente in testing".