Realtà virtuale

StarVR, Acer e Starbreeze insieme per la VR di alta qualità

Acer e Starbreeze si sono poste lo scopo di collaborare alla progettazione, produzione, promozione, marketing e vendita di StarVR nel mercato dell'intrattenimento professionale e location based. La lettera di intenti costituisce la base per un futuro accordo definitivo, il quale è ancora però soggetto all'approvazione del Consiglio di entrambe le parti.

Starbreeze e Acer

L'amministratore delegato di Starbreeze, Bo Andersson Klint, è soddisfatto del percorso intrapreso dalla società svedese e apre a più di una collaborazione in futuro: "Abbiamo lavorato seguendo una chiara tabella di marcia per la nostra strategia VR fin dal primo giorno e siamo ora in procinto di realizzare una delle prime importanti collaborazioni che ci siamo prefissati di conseguire".

"Acer è entusiasta di unire le forze con Starbreeze nel portare lo StarVR sul mercato", ha dichiarato il presidente di Acer Corporate e AD, Jason Chen. "Stiamo dedicando risorse di ricerca e sviluppo a più aspetti dell'ecosistema VR per un'esperienza coerente e di alta qualità. Solo il mese scorso abbiamo annunciato l'arrivo sul mercato di alcuni PC desktop potenti e notebook già certificati per la realtà virtuale".

Starbreeze ha presentato ufficialmente il visore StarVR in occasione dell'E3 dello scorso anno. Il progetto è nato in seguito all'acquisizione dell'azienda francese Infinite Eye – ora chiamata Starbreeze Paris. Gli sviluppatori di Uppsala sono così entrati in possesso della tecnologia StarVR e hanno integrato nel proprio organico un team eccezionale di ingegneri che ha sviluppato il visore che tutti possiamo ora vedere.starvr

Il visore di Starbreeze copre più del 75% dell'intero campo visivo umano – 180 gradi – spingendosi a 210 gradi sull'asse orizzontale e 130 gradi su quello verticale. Il dispositivo propone inoltre due schermi LCD da 5.5 pollici per una definizione panoramica complessiva di 5120×1440 pixel.

A gennaio è stata annunciata l'iniziativa StarCade che si prefigge l'obiettivo di rendere le esperienze premium di realtà virtuale accessibili alle masse grazie alla creazione negli USA di centri in cui provare attività immersive, a partire da OVERKILL’s The Walking Dead, titolo di punta della campagna VR di Starbreeze.

Attualmente la società svedese è impegnata nel mostrare Cockatoo Spritz in anteprima al festival di Cannes. Il cortometraggio è diretto da Stéphane Barbato che ha preso ispirazione dai pionieri del cinema francese come i fratelli Lumière e i film di Ernst Lubistch e Billy Wilder.