Spazio e Scienze

Stelle cadenti: trucchi e consigli per i ritardatari

I ritardatari hanno ancora qualche chance per vedere le stelle cadenti ed esprimere un desiderio. Passata la notte di San Lorenzo, infatti, fra ieri e oggi c'è il picco del fenomeno che appassionati e non inseguono ogni anno.

Per i consigli dell'ultima ora abbiamo contattato Paolo Valisa dell'Osservatorio Astronomico Campo dei Fiori. Il primo consiglio è quello di scegliere per l'osservazione un posto isolato, lontano dalle luci cittadine, perché occorre un cielo molto buio.

Stelle cadenti

La pazienza sarà la vostra arma vincente mentre siete sdraiati a scrutare il cielo: non pensate di trovarvi sotto una pioggia di stelle: per questa notte è prevista una frequenza di circa tre stelle cadenti all'ora. Chi soffre d'insonnia ne conterà qualcuna in più: l'esperto consiglia di stare all'erta "nella seconda parte della notte, quando esce dall'orizzonte il punto radiante da cui sembrano provenire le stelle cadenti. Si trova nella costellazione di Perseo, che si vede appunto verso il mattino".

"Chi tenterà l'osservazione in serata o nella prima parte della notte farà bene a puntare lo sguardo verso est, perché è da lì che le stelle cadenti provengono e quindi sono un po' più abbondanti. Nella seconda parte della notte va benissimo anche la più alta del cielo".

Tutto chiaro?