Home Cinema

Surface 2.0 con Pixel Sense, c’è anche il Gorilla Glass

Microsoft ha svelato Surface 2.0, nuova versione del “tavolino” interattivo di cui si sono dotate grandi catene alberghiere, aziende e il settore dell’informazione televisiva (Microsoft Surface, un nuovo modo di comunicare). Il nuovo Surface è più compatto ed è basato su una tecnologia chiamata Pixel Sense.

La prima generazione di Surface adotta delle videocamere, poste sotto lo schermo, che rilevano il tocco. Una soluzione che funziona, come abbiamo visto, ma che rende tutto il sistema decisamente ingombrante. La seconda versione è decisamente più sottile. Grazie alla partnership con Samsung e AMD (quest’ultima offre CPU e GPU, ovvero un Athlon II X2 e una HD 6700M), Microsoft Surface 2.0 ha uno spessore di circa 10 centimetri e adotta uno schermo LCD Gorilla Glass. Ora può essere “montato” anche in verticale!

Grazie a sensori a infrarossi, ogni pixel è una videocamera. È questo il trucco della tecnologia Pixel Sense. Oltre a consentire una rilevazione del tocco precisa (può tracciare tutta la mano, non solo singoli punti), questa tecnologia ha permesso a Microsoft di sbarazzarsi delle ingombranti videocamere e di contenere le dimensioni. Surface 2.0 è inoltre in grado di rilevare la presenza di testo su un oggetto.

La prima azienda ad adottare Surface 2.0 sarà Royal Bank of Canada. Microsoft non ha svelato ulteriori dettagli o parlato di una data di debutto per questo nuovo prodotto. Bocche cucite sul prezzo. Quando sarà acquistabile da una persona comune? Per ora non si sa, ma ricordiamo che Microsoft lo scorso settembre non ha escluso l’arrivo sul mercato consumer entro 3 anni (Surface a casa tua in 3 anni? Microsoft non lo esclude). Surface 2.0 è certamente un passo importante, che avvicina l’arrivo di questo interessante prodotto nelle nostre case.