IoT

The Big Hack 2016, l’hacker che si diverte cambia il mondo

La maestosa Piazza Plebiscito di Napoli è diventata una moderna arena per due giorni, a ottobre 2016. Non c'era alcun gladio nelle mani degli sfidanti, ma tastiere, mouse, Arduino, Raspberry Pi. E più che con le mani, chi ha provato a vincere The Big Hack ci ha messo tanto cervello e ancora più cuore.

14522885 1242551532433819 4790843285155918068 n

The Big Hack, o per meglio dire #thebighack, è un hackaton organizzato da Maker Faire Rome e Codemotion, insieme ad altri partner. È un hackaton, cioè una maratona di hacking: una competizione di lunga durata che si vince programmando computer e costruendo cose dopo averle inventate.

#TheBigHack è al suo terzo anno, il primo a Napoli dopo due edizioni a Roma in contemporanea con la Maker Faire, che apre i battenti il 16 ottobre. Quest'anno i partner si chiamano Regione Lazio, Regione Campania, IBM ed Eni. Ognuna ha ideato a patrocinato una delle sfide, challenge come le chiamano qui, e che riguardano Ambiente, Turismo, Calamità Naturali, Agricoltura 4.0, Sanità, Mobilità.

14517362 1242551919100447 7515903508897336701 n
Foto: Codemotion

L'obiettivo è vincere ma non solo: #TheBigHack è soprattutto una festa, una bella occasione per far incontrare persone che parlano delle stesse cose nella stessa lingua (non pensate che sia facile). Nuovi incontri che magari fioriranno nel futuro ma che servono sin da subito: c'è chi è venuto da solo o in piccoli gruppi. Ci si incontra lì, ci si scambiano le competenze, si crea una squadra e si mette in piedi un progetto. Già questo basterebbe a parlare di meraviglia, ma è solo l'inizio.

14657357 1242548555767450 2001954766196548764 n
14556665 1242551535767152 619568411492332974 o
14642479 1242548639100775 3667247848433599864 n
14517427 1242548715767434 1547092931332123342 n
14595727 1242551389100500 4952976523892526144 n
14615872 1242551379100501 1761655822815326728 o
14608749 1242550625767243 2629738875332207250 o
14502691 1242550052433967 5828200234723919377 n
14632905 1242549015767404 7517802190760718201 n
14633052 1241694055852900 3171304133456323919 n
14523226 1241693315852974 1635260213188202794 n
14606450 1241693462519626 7725186003221392537 n

Fotografie: Codemotion Italy

I partecipanti vogliono divertirsi, vogliono vincere, vogliono vedere com'è una gara di hacking che dura 36 ore, pernottamento e ristorazione sono compresi e offerti dall'organizzazione. I "committenti" hanno interessi più diretti, e cercano soluzioni a problemi concreti: IBM vuole capire come sfruttare al meglio la piattaforma Blumix in ambito agricolo. Eni guarda alla mobilità sostenibile, settore in cui è attiva anche con Enjoy, uno tra i servizi di car sharing più forti nel nostro Paese – proprio lui è protagonista di una challenge. Entrambe le aziende sono parte di The Big Hack sin dalla prima edizione, convinte che sia un'importante leva per l'innovazione.

Mattia Voltaggio, che per Eni si occupa dei progetti culturali, ci ha aiutato a capire alcune differenze rispetto ai Big Hack delle precedenti edizioni. Tanto per cominciare ci sono più partecipanti, 14 squadre per un totale di circa cento persone. Sono grossomodo la metà di quelli che si erano iscritti, ma è del tutto normale che in tanti alla fine rinuncino. Voltaggio sottolinea che "c'è qualche donna in più rispetto al passato" anche come sviluppatrici, mentre negli anni scorsi erano soprattutto designer.

14568047 1241693202519652 431603117537651670 n
14642193 1241693052519667 848796686681079516 n
14650458 1241693039186335 33958480094900075 n
14590500 1241693009186338 6801814966936785352 n
14542359 1241692755853030 6728910050350607644 o
14633091 1241693849186254 6926388649370843691 n
14522870 1241693685852937 6735236228957637275 n
0gHlxXCpPM36qI4phTwS zoqSGR7UXbSMltJX0vNV0bCN8KOIGm8n8RzvrXITZw lBFcoHMqEGg=w1166 h929 no

Immagini: Codemotion Italy

"Tra i concorrenti", continua Mattia, "sono di più quelli che si sono preparati qualcosa a casa. Ci sono startup e fablab oltre ai gruppi di amici", ci spiega ancora. E anche questo rende l'evento speciale, oltre al fatto che qui abbiamo "un hackaton di makers, seppure il software sia protagonista".

Se la maggior parte del lavoro è scrivere codice, diversi team si sono anche "sporcati le mani", mettendo sul tavolo Arduino, Raspberry Pi, sensori di vario tipo, tester, schede di prototipazione, filo di stagno, saldatore e tester. L'organizzazione metteva a disposizione qualcosa, ma chi sapeva che avrebbe usato dell'hardware, o lo sospettava, si è portato il necessario da casa. È così sotto i nostri occhi è nata un'incredibile trappola per cinghiali, un sensore per l'umidità della terra, webcam con intelligenza artificiale che guardano le coltivazioni e capiscono se sono malate.

HPgPUWbxbOoX3yFL1m91eAvZ8 MXSmB0s9bNTlvGK1XqVJUo2mmmtsxwiDyXB9n1oRZvdguypoSuQDL9s5SDo0QcnNkxI46D P29tcMJZxy6PSTjiP2tjCTOUjMK3Kgyv S8euIHv7oXiy5IwT6vkAPPHu41s 5Hn0j5b9AwmHJMrHbtmhYKaOBT3x86JYaUuW j131ILLJUrRsg2Qwu1dcJODs0eV7vxiv3u2SvQETcC2xnvBL 5Yfy8RjJL5a4W5CsDuMHbhEI2jjyRD5dDJCWX8UemOlc 23kEgZV8JAxYjXMsAcFt3OK4IhYNdjyLoVpv5 T IGB3d19gH4lBMXhElXMdozfEGep7fld89o46kXWhEq4joF39PYWp4ZulA9F7Yx6KQkwwkX8YxVPxyTqCoOhXgdx h7Zg8uKGJtWWHqBH42EvdDTyacAE7AmFJfOcky47WbrGB1dOslFg1CJD1T2te69VtXriyq DLAtH6ZDRPW0ogeyg7fRCi5mIPQgFC 7GbuhMD6pnX7Qsr7zgsZpOaEtIxKO Z5Wn1Zbv4hZRMxpkmv2ixoOlPwWsRA4jUdrK4MJe4ReS1h89Qzv49kSjzSaI6ysl3LUfT9UTRXBOg=w1239 h929 no

"I maker oggi, soprattutto in Italia, hanno un'attenzione al design e al time to market più forte rispetto ad altri. Fanno una cosa che funziona, ma che deve essere innovativa e anche bella. Dev'essere qualcosa che ha già una pianificazione di marketing fatta da chi, nel gruppo, si occupa di questo aspetto. Ci deve essere un piano di sviluppo sostenibile", ci ha spiegato ancora Voltaggio.

È una popolazione eterogenea, dai 16 ai 50 anni (forse qualcosa in più, non abbiamo fatto domande), sviluppatori professionisti, designer e ingegneri, persone che hanno fondato e mandato avanti un FabLab e/o una startup (all'Università Federico II di Napoli). Ci sono anche due classi delle scuole superiori: dall'Enrico Mattei di Ischia e dal Galileo Ferraris di Scampia. Ragazzi giovani e giovanissimi, qualcuno che viene "tanto per fare un'esperienza" e qualcun altro che di esperienza ne ha tantissima ma non ha mai smesso di divertirsi con questo genere di cose.

Sfide complesse

Per ognuno dei temi citati esiste una sfida specifica. In tutti casi ai partecipanti è richiesto di sfruttare una o più risorse specifiche, come gli open data delle regioni, la piattaforma ENI già in uso per il servizio Enjoy o quella di IBM BluMix, che include risorse di intelligenza artificiale. Le richieste non sono altrettanto rigide, e in generale si riassumono con "usate questi strumenti per creare qualcosa che migliori il servizio, sia utile tanto per l'ente/azienda quanto per le persone che lo usano, che abbia un possibile sbocco commerciale".

W7QWAUNKVvT0RjFJD7BnNaqgEfrbyIdwVXaPxh57Plt2SSvpc9l4gHjGNM T8DKc4oUnNm5Z61M4qU6bdAa2zTojx2TVg7Lh6j8HBLVvB55N0KD rEnO3ry6NJLcb0wC fiflDVCo YT9a3mc6m6Y6XB7J tU8ZON1 mKrJFrFgBHwypI8sfezX1pr3iLqMairJ3UvWTxcGu6eVR245XM U cbsehikidRNLW8Ti9zsEpZUJS4FVdhQrA6fc76MZRAf4xrrdszZquKdmQa2rx5qVw43b2NtzLLr8FGeKawvUVQhrOG8QmQM4g6eP3RS2 WCr4cbTZhpinEUDjipZ6v8ztt0XZ5PeZofXA JYeRsfCGFRa0JflTZ2PcnE87c6QDq2XdZsULxLMdTAfNuPxDzWfJ27mPvQvYlsqzrZO epXNd0UcnbeP sAQmDmAtvsdLknVcaNnX2rX YdCGaQ9oYEEwu3FTYAJA1rj5JNuBBCcW4jScE52i5zZACro16J65wxXqoFTAUJCG0VsEgOLWyIg37UmqZkEIstm4B6uprdIjQlKuFDcPyTZy3XbIB ABX8LllEOM6wfl0to s5 si2vAmc gBhUi0YPnVajuMpBRNnQ=w1239 h929 no

A ogni team non veniva richiesta solo un'idea, ma almeno una demo funzionante anche solo in parte, e questo significa software, design, e una presentazione professionale. E ci vuole anche un piano di business che non venga giù come la casetta di paglia del famoso maialino, non appena il lupo del mondo reale si mette a soffiare.

Ognuna delle sfide, dunque, richiedeva di prendere dati esistenti più o meno strutturati. Di fare riferimento a una piattaforma già in essere, e di creare un'interfaccia che potesse leggere i database o sfruttare risorse remote (nel caso di ENI o IBM). Di usare API ed SDK per creare un nuovo servizio: in molti hanno scelto la webapp ma c'è chi si è buttato direttamente sull'app nativa per Android e iOS. E chi ha trovato i dati insufficienti non si è fatto problemi a integrarli, generalmente ricorrendo a Google Maps e relative API.

Kagqt 8nxJieI0xlNZDScC0zqLZst7BERn W0F324BDbZBWDHePF5oPo21B4Ffdtb ONPOG9Yryt C9CQ8qIiShNoPyqkOCIAgdL9eWPtD7HpFZOTcEutzFiyp6 zSV5GAAn3zT 9j1XvTvXoV7TePW5i2oLYhfHmO8gkxkdLJaECew6tjGbdVneG8cQ1X2G9viQxCM Aqgr9SH1ANREXw kP8RmN3mWLtNqkLvrtp fkhxjRcp1EYRgBBB4qV78 BX8n4MJIuoVAUPaeWNIAD5WRCOIJnAhTazC2D8ocBUUKDk6NV8QFFV6qiytTugwd7dfDcNtFtL506HUlMoK5Nrjh0iNJsNaRPYb9Hi2BTYdJMFMlJ0j BGqaCm3fWCcKBRed73jeaeucYG3A93wGsM2xc3cTII5jyqBSDz6YissN6gMfs6tjnU19L2oWkX0MOdSULN63RoSY2FIAgNQENzdD8EAs4XL0MAk9a98WRjLAwQo4vYNh8CPG1W8uPWjLCokyfNR0uz59NwLP54PUW C5SB629ISxRY7Arm4Fa7g  NPYdWbgzH7zhQatPSYMHnG0rxD2fLih LgNsKtWCYxa g84JqOdMX0Huo7QW5BNTh1gQ=w1239 h929 no

L'altra risorsa preziosissima è stata il tempo: circa 36 ore durante le quali i concorrenti non si sono dati tregua, lasciando la postazione solo quando non potevano farne a meno. C'era un'area relax con qualche materasso, dove qualcuno si è concesso un po' di riposo. Ma in tanti non hanno praticamente chiuso occhio, concentrati sulla deadline fissata alle 15:30 di domenica 9 ottobre. A rendere le cose più difficili, nella notte tra sabato domenica sul tendone si è abbattuta una pioggia gelida, con qualche goccia che si è fatta strada all'interno. Per fortuna non ci sono stati danni per l'attrezzatura, ma domenica mattina l'effetto si vedeva sui volti degli hacker. Se non altro era spuntato il sole. 

A facilitare almeno un po' le cose, buona parte delle informazioni era già pubblica da settimane. Oltre il 90% secondo alcuni partecipanti, ma quei pochi dettagli comunicati all'apertura dell'hackaton erano cruciali. Chi si era portato del lavoro fatto da casa lo ha potuto sfruttare, ma di certo non bastava.

La soluzione è un gioco

Qualcuno ha pensato di piazzare dei sensori per capire se e quando un'auto viene parcheggiata, qualcun altro ha ragionato su notifiche che siano veramente utili in caso di terremoto o altre emergenze. C'è chi si è messo nei panni di un piccolo agricoltore che deve prendersi cura di troppe piante per il tempo e le risorse di cui dispone.

iNLt51nlZIVXYaayshhcu9hI  vznoHIsJk9dPwavyJzJ3TKcoC82 SqgJD Vz197aeGQ1XRJIo=w1276 h718 no

C'è chi ha fatto di beacon la parola d'ordine, e tutti hanno abbracciato il concetto di Internet of Things come l'idea di oggetti che lavorino al posto nostro, che ci facciano vivere meglio: avvisandoci se una pianta è da annaffiare, dicendoci se e quando c'è un posto dove parcheggiare l'auto, trasformandoci in campioni del turismo.

C'è chi ha scoperto nuovi problemi, come la sovrappopolazione di cinghiali sull'Appenino Campano (e non solo), grazie anche al determinante aiuto di Rural Hub. E così il team si è inventato una trappola a controllo remoto, con dentro una webcam e un Arduino. Quando un animale entra l'operatore lo vede, e se si tratta del giusto tipo di cinghiale chiude la gabbia.

Una webcam anche per controllare le foglie, e l'intelligenza artificiale di IBM per capire quali sono sane e quali sono malate. Così l'agricoltore può sapere per tempo se serve un intervento. E sembra una foglia quel sensore che controlla l'umidità del terreno e accende dei LED colorati inseriti nel sottovaso, per sapere se la pianta va innaffiata. Sembra una foglia, ma è una masquerade stampata in 3D.

wWWld181rAh1PFc2Xfz1cel SuHLZZ17MWATfYzj2X0K8zCyztq0lwJQAEERNY8d ChmrwbQh3s=w1276 h718 no

I ragazzi che hanno ideato e abbozzato (un po' di più) Appultura, invece, praticamente hanno inventato l'Uber delle guide turistiche. Per chi vuole visitare un luogo o un monumento con la guida di un esperto, ma con la libertà di farlo alle proprie condizioni. Altri hanno pensato al turista lampo, con un'app che ti fa il tour su misura anche se hai solo un paio d'ore disponibili.

E se usi il car sharing, dove e come parcheggi? E quanto ci metti? E quanto ti costa? È il tipo di problema che ha proposto Eni per il car sharing Enjoy. La risposta dei team è stata creare uno scambio tra tutti i guidatori, non solo e non necessariamente tra chi usa il servizio. Un'app per avvisare che si sta lasciando libero un posto o che si sta arrivando, e un sistema a punti che permette di accedere a sconti e regali. Qualcuno ha pensato persino alla chat in tempo reale con altri utenti, per coordinarsi al meglio ed evitare che un passante "soffi" il posto.

JUGdbB9BmP2a9Ow84cQrymytK16Qlrt8peA6ocrw0PWSdTIkEvChHLUzGBeSIti1uA5M972itLY=w1239 h929 no

Ecco, punti e giochi. Tutti o quasi i team hanno messo nel loro lavoro il concetto di gamification. Vale a dire far di tutto un gioco, perché siamo ormai alla fine del 2016 e dovremmo averlo capito che il gioco è una cosa serissima. Lo hanno capito questi hacker, che hanno trovato nella gamification lo stimolo giusto per spingere ognuno di noi a usare una certa app o un certo servizio, rendendolo così migliore e più utile per tutti.

Un'esperienza irripetibile da ripetere ancora e ancora

Che cosa è stato The Big Hack? Una gara tra nerd a caccia dei loro 15 minuti di fama? Un giochino inventato per cercare talenti? Forse è stato anche queste cose, ma stare sotto a quella tende insieme a loro dava ben altra impressione: ti sembrava di stare a mollo nel futuro prossimo di questo mondo.

Sì perché il migliore dei futuri possibili ce lo possiamo costruire proprio come loro hanno costruito applicazioni e oggetti. Avremo un mondo bellissimo e senza ingiustizie grazie agli hacker? Probabilmente no, ma ci sono buone possibilità che persone come loro se non altro ci daranno maggiori strumenti per costruirlo.

Non m'importa se le invenzioni di Piazza Plebiscito diventeranno qualcosa di concreto o se saranno un fuoco di paglia. Quello che m'importa è che esistano persone così, che si possano incontrare, che abbiano occasioni come queste per mettersi alla prova. Perché se è vero che un altro mondo è possibile, un mondo migliore, è vero anche che bisogna costruirlo. E non puoi costruire qualcosa di buono se non ti diverti nel farlo.