Telco

TIM 5G attiva anche a Firenze, dopo Roma, Torino e Napoli

TIM oggi ha “acceso” la rete 5G anche a Firenze, dopo Roma, Torino e Napoli. Oggi l’operatore ha confermato i servizi sono attivi nella zona nord della città, quindi nei quartieri di Rifredi e Novoli; entro la fine dell’anno saranno coperti anche Soffiano, Cintoia, Cavallaccio, Statuto, Coverciano, Le Cure e Badia a Ripoli. Dopodiché nel 2020 arriverà il momento di altre importanti aree del territorio comunale e dell’area metropolitana di Firenze, “contestualmente al rilascio delle necessarie autorizzazioni da parte degli enti competenti”. Per quanto riguarda il resto della penisola è programmato un lancio 5G in altre 5 città, 30 destinazioni turistiche e 50 distretti industriali con velocità fino a 2 Gbps entro fine 2019. Fino ad arrivare al 2022 quando vi saranno 120 città coperte, 200 destinazioni turistiche, 245 i distretti industriali con una velocità che aumenterà progressivamente fino a 10 Gbps.

Le offerte commerciali 5G sono disponibili sia per la clientela consumer che business; inoltre TIM ha ricordato la partnership con Samsung, Xiaomi e Oppo. “I clienti possono acquistare nei negozi TIM o sul sito tim.it il Samsung Galaxy S10 5G e lo smartphone Xiaomi Mix3 5G e l’Oppo Reno 5G”, spiega TIM. “Per le famiglie sono due le offerte 5G con velocità fino a 2 Gbps: TIM Advance 5G, proposta a partire da 29,99 Euro/mese con 50 GB, chiamate e SMS illimitati, video HD e Ultra HD e a partire da 49,99 Euro/mese; TIM Advance 5G Top con 100 GB, chiamate e SMS illimitati, video HD e Ultra HD e il roaming incluso anche da Stati Uniti, Canada, Svizzera e Principato di Monaco”.

Da ricordare che attualmente i roaming 5G è possibile in Corea del Sud, Emirati Arabi e Principato di Monaco, e in futuro sarà disponibile in Gran Bretagna, Svizzera, Spagna, Germania e Austria.

Fra i primi servizi 5G, già ampiamente sperimentati, bisogna ricordare quelli in ambito turistico e culturale. “Con speciali visori si possono effettuare visite immersive da remoto in virtual reality a musei e luoghi storici, con la possibilità di dialogare nello stesso ambiente virtuale con una vera guida turistica collegata da chilometri di distanza. TIM ha reso disponibili questi tour virtuali per Piazza Navona, le chiese rupestri di Matera, il Museo Pietro Micca e il Parlamento Subalpino di Torino”, spiega l’operatore.

Di grande impatto anche il potenziale del cloud gaming “con la possibilità di giocare in streaming, anche in mobilità, in una modalità molto coinvolgente”. Si parla ad esempio della fruizione di eventi live di eSport, cambiando in real time il punto di vista sullo schermo grazie alla funzione multiview con flussi video contemporanei.

“In ottica Industry 4.0 sono state avviate applicazioni nel campo della robotica e dell’automazione industriale. Con la connessione mobile è possibile comandare bracci robotici utilizzando le funzioni che il servizio 5G offre in termini di banda e latenza. Da dispositivi remoti come laptop e tablet si potranno gestire catene di produzione collocate in location differenti avendone il controllo in real time”, prosegue TIM.

Si parla anche di 5G applicata alla mobilità urbana, public safety, monitoraggio ambientale e sanità. Ad esempio la Smart City Control Room di TIM, frutto dell’innovazione di TIM e del know-how di Olivetti, con dati live visualizzati su cruscotti, analizza i dati raccolti tramite sensori connessi alla rete mobile di TIM per la gestione intelligente del traffico, dei parcheggi, dell’illuminazione e della raccolta dei rifiuti.