Telco

TIM recidiva, il Garante del Mercato carica la fionda

Le sanzioni del Garante del Mercato non fanno più effetto su Telecom Italia. A distanza di quasi due anni dall'introduzione del periodo di rinnovo da 30 a 28 giorni delle offerte di telefonia mobile, con abbinata vendita a rate di prodotti (smartphone, tablet etc.), è ricaduta nella stessa violazione del codice al consumo. La prima volta successe tra agosto e dicembre 2015, adesso a febbraio 2017.stage

La scorrettezza della pratica commerciale riguarda l'addebito in un'unica soluzione del saldo delle rate residue per i prodotti previsti in offerte pacchetto e, nei casi di passaggio a un altro operatore, anche di ulteriori esborsi, sebbene l'utente eserciti il diritto di recesso a seguito di rimodulazioni.

L'AGCM non ha ancora stabilito la sanzione da applicare ma dovrebbe essere una cifra compresa tra 10mila e 5 milioni di euro poiché si tratta di un comportamento recidivo. Secondo il Garante l'azione intrapresa da Telecom "integra gli estremi di una coercizione o di un indebito condizionamento idoneo a limitare considerevolmente la libertaÌ€ di scelta o di comportamento del consumatore rispetto all'esercizio del diritto de quo, facendogli assumere una decisione di natura commerciale che non avrebbe altrimenti preso".

Nello specifico, dopo attente indagini, il problema si è manifestato nuovamente con le nuove opzioni della gamma TIM Special comunicate dal 15 febbraio 2017 e in vigore dal mese di aprile 2017. "La pratica commerciale presenta il medesimo profilo di scorrettezza giàÌ€ accertato", ha sottolineato l'AGCM. Il procedimento si concluderà entro 120 giorni, mentre Telecom Italia ha 30 giorni per sottporre le sue memorie difensive.

"Ai fini della quantificazione dell'eventuale sanzione pecuniaria prevista dall'art. 27, comma 12, del Codice del Consumo, si richiede a Telecom Italia SPA di fornire copia dell'ultimo bilancio ovvero idonea documentazione contabile attestante le condizioni economiche nell'ultimo anno", conclude l'AGCM.