Criptovalute

Truffe crittografiche in aumento di oltre il 220%

La Financial Conduct Authority (FCA) del Regno Unito ha pubblicato ieri i dati che mostrano un aumento del 222% delle richieste di informazioni sulle truffe relative alle criptovalute tra i mesi di aprile 2020 e marzo 2021. Nell’aprile 2020, il regolatore britannico ha ricevuto un totale di 176 richieste relative a possibili truffe di criptovaluta. A marzo 2021, questo numero era aumentato a 566.

Parte di questo aumento, suggerisce la FCA, potrebbe essere dovuto alle mutevoli caratteristiche degli investitori e alle loro decisioni di investimento. “I giovani hanno il doppio delle probabilità di aver puntato su investimenti ad alto rischio rispetto agli adulti in generale. Ad esempio, il 44% delle criptovalute e il 31% degli investimenti di crowdfunding sono detenuti da persone sotto i 34 anni”, ha detto la FCA.

Con queste cifre appena pubblicate in mente, forse non sorprende che il regolatore abbia preso una posizione critica contro l’industria crittografica. Durante l’ultimo anno, la FCA ha adottato un approccio incentrato sulla protezione dei consumatori. Nel gennaio di quest’anno, la FCA ha emesso un avvertimento pubblico per i consumatori sui rischi connessi agli investimenti in criptovaluta.

“Investire in cripto-asset, o investimenti e prestiti ad essi collegati, comporta generalmente l’assunzione di rischi molto elevati con il denaro degli investitori. Se i consumatori investono in questi tipi di prodotti, dovrebbero essere pronti a perdere tutti i loro soldi “, ha detto il regolatore all’epoca.

La FCA ha ulteriormente approfondito le caratteristiche dei cinque rischi identificati nelle risorse crittografiche. Il primo e il secondo erano la mancanza di protezione dei consumatori e la volatilità dei prezzi, che potrebbero mettere i consumatori “ad alto rischio di perdite”. Inoltre, il regolatore ha elencato la complessità del prodotto, gli oneri e le commissioni e i materiali di marketing fuorvianti come rischi inerenti alle risorse crittografiche.