Home Cinema

TV Sony Triluminos: qualità OLED a costi LCD

Sony ha mostrato a CES 2013 i primi esemplari di display basati su tecnologia Triluminos, una variante della tecnologia QD Vision quantum dot che si propone di sostituire la retroilluminazione LED degli attuali LCD, arrivando a performance paragonabili a quelle di un display OLED (e le prime impressioni lo confermano), ma al costo di un LCD.

Ma di cosa si tratta, esattamente? Come noto, nel caso della comune retroilluminazione degli schermi LCD, il singolo pixel è illuminato posteriormente da una luce bianca, e i singoli colori vengono creati controllando la quantità di luce che passa attraverso appositi filtri RGB. Dato che i filtri non possono essere estremamente selettivi, quello che accade normalmente è ciascun filtro, ad esempio il rosso, consente il passaggio anche di luce di lunghezza d’onda adiacente, ad esempio l’arancio. Quando queste componenti parassite si mescolano tra loro, danno origine a colori slavati.

La tecnologia QD Vision / Sony  risolve il problema eliminando la retroilluminazione bianca e sostituendola con una retroilluminazione a LED blu. Questa luce blu, a sua volta, stimola l’emissione di luce da parte di quantum dot (che costituiscono i pixel dello schermo) e che, a differenza dei tradizionali pixel, emettono luce verde pura e luce rossa pura. Con questo approccio, dal filtro rosso uscirà solo la luce rossa pura prodotta dal quantum dot di quel colore. Secondo Sony, questa tecnologia amplia lo spettro di colori visualizzabili del 50% rispetto a un tradizionale LCD a retroilluminazione bianca. Non sono state ancora diffuse notizie precise relative ai costi di produzione, ma in base alle dichiarazioni del produttore pare che questi saranno assolutamente paragonabili a quella di un comune LCD.