e-Gov

Ufirst, l’app elimina code per i servizi di PA e privati

Di tempo, nelle nostre vite congestionate, non ne abbiamo mai abbastanza. Tra file alle Poste o anche in banca e quelle che siamo costretti a fare anche nel tempo libero, ad esempio per entrare in un museo o per imbarcarci su un traghetto, lo stress è in costante aumento, tanto che trascorriamo in fila circa 400 ore l’anno, pari a ben 16 giorni (Fonte: “Italiani in Fila” Managò, Ricerca Madbid.com). Per fortuna c’è ufirst, una piattaforma mobile e web per la digitalizzazione delle code fisiche, che consente di prenotare un ticket virtuale e fare altro mentre la fila si snellisce.

Nata nel 2018 dalla fusione tra ufirst, aggregatore di servizi premium nel settore viaggi e tempo libero, e Qurami, un’app pensata per migliorare la qualità dei tempi d’attesa nelle strutture pubbliche e private, l’app ufirst (disponibile per iOS e Android) unisce il meglio di entrambe le precedenti realtà, offrendo così un servizio integrato che consente agli utenti di riappropriarsi del proprio tempo, tanto nei rapporti con la PA che con i privati.

ufirst consente infatti ai propri utenti di accedere ad una moltitudine di servizi pubblici e privati in costante espansione, sia gratuiti che a pagamento attraverso due modalità: Connect (ad accesso gratuito) e Fast Pass (a pagamento). La prima, che riguarda soprattutto banche e Pubblica Amministrazione consente di non dover più restare in fila per ore. L’utente infatti può selezionare il proprio punto di interesse e prendere il numero per la coda direttamente dal proprio smartphone, monitorando poi l’andamento della fila da remoto, ricevendo un avviso in prossimità del proprio turno.

A questo si affianca Fast Pass, un servizio salta coda innovativo, che permette alle persone di risparmiare tempo acquistando un accesso prioritario on-demand nei luoghi più congestionati come per esempio aeroporti, traghetti, musei e attrazioni turistiche in Italia e all’estero.

Il punto di forza di ufirst, che rende la piattaforma diversa da tanti altri servizi simili di prenotazione, sia pubblici che privati, è la capacità di interfacciarsi direttamente col sistema di prenotazione, in modo che il numero virtuale prenotato dall’utente sia inserito istantaneamente nella fila reale, senza cioè il bisogno che poi l’utente, una volta giunto sul posto, dia conferma della propria presenza tramite totem o altri sistemi di interfacciamento e prenotazione.

ufirst opera in diversi settori, raggruppabili in sei verticali, all’interno dei quali sono disponibili diversi punti di accesso pensati per offrire il massimo risparmio del tempo:

  • Uffici Pubblici (Anagrafe, Ama, Ministeri, comuni etc.)
  • Sanità (Ospedali, Asl, Cliniche, Farmacie etc.)
  • Servizi (Banche, Utilities, Telco, Aci, Automotive etc.)
  • Viaggi (Aeroporti, Treni, Traghetti, Trasporto Pubblico etc.)
  • Attrazioni (Musei, Parchi, Attrazioni Turistiche, etc.)
  • Istruzione (Università)

Ad oggi collaborano con ufirst le principali strutture pubbliche e private del Paese, tra cui i Comuni di Milano, Trieste, Genova, Bologna, Fiumicino, Firenze e Prato, gli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Linate, Venezia, Treviso, Napoli, Lamezia Terme, Catania, Palermo e Trapani e, all’estero, Charleroi, Budapest e Nizza, servizi come Enel, Publiacqua, Estra, Pintel, Acea, A2A, Bnl, Wind, Unicredit e molti altri, le Università di Roma La Sapienza, Luiss e Roma Tre, IUV Venezia, Trieste, Padova, Urbino e Ferrara, oltre agli ospedali Policlinico Gemelli, Ospedale Bambin Gesù, IFO, ASL Modena, ASL Viterbo e Humanitas.