e-Gov

Un motore Honda salverà il mercato diesel

Honda ha annunciato di aver sviluppato un nuovo motore diesel per auto che "inquina" come un benzina. Detta così potrebbe sembrare una scoperta ridicola, ma in verità, uno dei problemi del diesel di ultima generazione è proprio quello di emettere gas serra al di sopra dei futuri limiti.

La tecnologia per renderli rispettosi delle nuove normative è piuttosto cara, quindi aspettiamoci un'inversione di tendenza nel mercato: i benzina ritorneranno in auge, anche se consumano mediamente il 30% in più. Honda, però, a in serbo per il 2009, le prime auto dotate di motori pseudo-ecologici, capaci di limitare la produzione di ossidi di azoto grazie ad un nuovo tipo di catalizzatore, ben più efficiente ed economico della soluzione tradizionale inventata da DaimlerChrysler.

"Abbiamo inaugurato la nuova frontiera ecologica nel 1973 con i motori CVCC (Compound Vortex Controlled Combustion), adesso rilanciamo con diesel evoluti e rispettosi dell'ambiente", ha dichiarato Takeo Fukui, CEO di Honda.

Ma la sfida ecologica non si ferma qui. Nel centro di ricerca & sviluppo di Tochigi, Honda ha mostrato il suo primo prototipo di veicolo a cella di combustibile di idrogeno ultra-compatto. Rispetto ai precedenti modelli è del 20% più piccolo e del 30% più leggero. Il mezzo ha un'autonomia di 570 chilometri, il 30% in più rispetto alla serie del 2005. Raggiunge, inoltre, i 160 chilometri di velocità massima.