Tom's Hardware Italia
e-Gov

USA, se il cellulare è un rischio

Non era mai successo prima e, dunque, solleva enorme attenzione la decisione della Commissione americana per la sicurezza dei prodotti che ha imposto al colosso Kyocera Wireless di ritirare dal mercato 140mila batterie per cellulari considerate pericolose. Per questioni di marketing il ritiro viene spiegato come “volontario” da parte di Kyocera. La vicenda si deve […]

Non era mai successo prima e, dunque, solleva enorme attenzione la decisione della Commissione americana per la sicurezza dei prodotti che ha imposto al colosso Kyocera Wireless di ritirare dal mercato 140mila batterie per cellulari considerate pericolose. Per questioni di marketing il ritiro viene spiegato come “volontario” da parte di Kyocera.

La vicenda si deve al fatto che le batterie del modello di smart phone 7135 vendute tra settembre e dicembre tramite Verizon, Alltel e US Cellular, in quattro diverse occasioni, secondo la Commissione, sono entrate in cortocircuito surriscaldandosi al punto da attivare il meccanismo di ventilazione che riduce la temperatura. Una situazione che il 6 dicembre ha causato delle ustioni di secondo grado ad un utente quando il fortissimo calore emesso dal cellulare lo ha colpito ad una gamba.

Secondo Kyocera negli altri tre casi segnalati, il sistema di sicurezza è scattato in un momento in cui nessuno si trovava nei pressi degli smart phone.

L’azienda, per dimostrare la propria buona fede e totale dedizione alla risoluzione del problema, ha già dichiarato di aver sospeso temporaneamente la vendita dei cellulari 7135, anche quelli dotati di batterie di serie diverse rispetto a quelle individuate dalla Commissione. Kyocera ha poi sottolineato di aver immediatamente troncato i propri rapporti con il costruttore delle batterie della seria “05” che hanno causato tanti problemi.

Sebbene sul sito dell’azienda non venga dato alcun rilievo alla situazione, e anzi la pagina dedicata al 7135 rimanga disponibile senza alcuna annotazione, un portavoce Kyocera ha spiegato che l’azienda sta cercando di contattare tutti i consumatori che dispongono di quel genere di batterie in modo da poterle rimpiazzare.

La vicenda di Kyocera ha inevitabilmente riportato alla ribalta una questione che non si è ancora conclusa in modo definitivo e legata alle batterie dei cellulari Nokia Come si ricorderà alcuni incidenti, persino con esplosioni del cellulare, hanno sollevato molto clamore, sebbene l’azienda abbia sempre sostenuto che tutti i problemi siano stati legati all’uso di batterie non originalie, dunque, non garantite da Nokia.