Sicurezza

USA: Una legge per punire gli Stati che spiano gli Stati Uniti

Poco dopo che  il Pentagono ha annunciato che il governo cinese è stato coinvolto nell’ultima campagna di cyber spionaggio che ha preso di mira il governo e le imprese degli Stati Uniti, un gruppo bipartisan di senatori ha proposto una nuova legge per combattere il cyber-furto. Secondo l’agenzia di stampa Reuters, la legge, soprannominata "Deter Cyber Theft Act", è stata proposta martedì scorso dai Democratici Carl Levin e Jay Rockefeller e dai repubblicani John McCain e Tom Coburn. L'obiettivo della normativa è quello di proteggere i dati aziendali da hacker e governi stranieri. Diversi paesi stranieri, tra cui la Russia, Israele e Francia, sono stati accusati di spionaggio su siti web del governo americano o imprese americane, ma la Cina rimane il nemico pubblico numero uno per questo tipo di attività illegali legati. Secondo il rapporto annuale del Pentagono al Congresso , che è stato pubblicato lunedì, la Cina ha perpetrato una campagna costante di intrusioni informatiche nel 2012, che sono stati progettate per acquisire informazioni sulla politica estera del governo degli Stati Uniti e sui piani militari.

Occhi indiscreti spiano le mosse delle aziende americane (ed Europee). Sembra che dietro a molti di questi attacchi ci siano entità governative, ma di prove inconfutabili ancora non ce ne sono…

 

 "La Cina continua a sfruttare investimenti esteri, joint venture commerciali, scambi accademici, l'esperienza di studenti cinesi rimpatriati e sponsorizza le tecniche per l’attività di spionaggio industriale per aumentare il livello di tecnologie e competenze a disposizione per sostenere la ricerca militare, lo sviluppo e l'acquisizione », dice il rapporto. All'inizio di quest'anno, dopo che il New York Times e il Wall Street Journal hanno accusato gli hacker cinesi di aver violato le proprie reti, una manciata di aziende ha rivelato che anche loro sono state vittime di attacchi informatici, compresi Apple , Facebook, e Microsoft. Uno studio pubblicato da Team Cymru nel mese di febbraio, ha rivelato che gli hacker stranieri stanno rubando circa un terabyte di dati al giorno a governi, imprese, forze armate e strutture accademiche. "Questo furto di dati tramite internet è a livello industriale," disse all'epoca Steve Santorelli direttore di Team Cymru. La sfilza di attacchi informatici hanno catturato l'attenzione dei legislatori degli Stati Uniti e nel mese di marzo l'amministrazione Obama ha chiesto alla Cina di interrompere la sua campagna "senza precedenti" di cyber spionaggio, avvertendo che l'attività di hacking minaccia di far deragliare gli sforzi per costruire forti legami tra i due paesi. Il governo cinese ha negato decisamente di essere coinvolta in attività di  cyber spionaggio o hacking. I senatori che appoggiano "Deter Cyber Theft Act" sperano che la legge diventi un forte deterrente per cercare di frenare gli attacchi in corso. "Abbiamo bisogno di punire i responsabili di furti informatici e responsabilizzare il Presidente a colpire i ladri dove fa più male, ovvero nel loro portafogli, bloccando le importazioni di prodotti delle aziende che beneficiano di questi furto", ha dichiarato Levin secondo la Reuters. Se approvata, la legge richiederebbe una relazione annuale con la lista dei paesi coinvolti nel cyber-spionaggio, evidenziando i peggiori trasgressori. Il rapporto dovrebbe anche riportare il dettaglio del tipo di dati che i criminali informatici rubano. Questi elenchi potrebbero portare il Presidente a bloccare le importazioni di determinati prodotti o quelle da Paesi specifici.