Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
Telco

Verifica la copertura fibra, e la distanza dal cabinet

Verificare la copertura in fibra del proprio appartamento sembra diventare sempre più facile. Gli operatori come TIM, Fastweb, Vodafone, Infostrada e gli altri mettono a disposizione specifiche pagine Web dove è sufficiente inserire il proprio indirizzo per sapere il tipo di servizio attivo. Inoltre, sono in aumento i siti indipendenti di telecomunicazioni che mostrano ancora più dati basati sull'interrogazione di database probabilmente forniti per il mercato all'ingrosso.

I principali fornitori di servizi Fibra

tim logo

TIM ha una pagina Web specifica per verificare la copertura ADSL e Fibra. Basta inserire Provincia, Comune, Indirizzo, Civico e CAP. Una volta digitato il codice sicurezza mostrato in una casella grafica è sufficiente cliccare sul tasto "verifica".

CONTROLLA LE OFFERTE FIBRA TIM »


fastweb logo

Fastweb fa lo stesso ma richiede oltre a Comune e Indirizzo quale sia l'attuale operatore di telefonia fissa.

CONTROLLA LE OFFERTE FIBRA FASTWEB »


vodafone logo

Vodafone mostra il sistema di verifica direttamente accanto alle offerte del suo sito. Richiede l'inserimento di indirizzo e città, ma anche l'eventuale numero fisso e quello Vodafone – nel caso si sia clienti.

CONTROLLA LE OFFERTE FIBRA VODAFONE »


infostrada logo

Infostrada si comporta analogamente a Vodafone e chiede il numero di telefonia fissa, oltre che al classico indirizzo e città.

CONTROLLA LE OFFERTE FIBRA INFOSTRADA »


tiscali logo

Tiscali richiede l'inserimento del nome del provider che fornisce il servizio telefonico e quello dell'eventuale ADSL. Dopodiché domanda indirizzo e città, ma consente anche immediatamente l'inserimento del codice di migrazione. Leggendo le informazioni correlate si scopre che si può fare a meno del codice per la verifica.

CONTROLLA LE OFFERTE FIBRA TISCALI »


openfiber logo

Enel Open Fiber recentemente ha inaugurato la sua pagina web per la verifica della copertura. È sufficiente inserire l'indirizzo e la città e vengono mostrate, nel caso, le zone di derivazione e i provider che si appoggiano alla sua rete.

Open Fiber
Open Fiber

Altri siti più completi

KPNQWEST è una società italiana che offre servizi di telecomunicazione a più di 3500 aziende e opera all'interno del Gruppo COMM2000 insieme a Messagenet. Il suo servizio di verifica è molto accurato poiché una volta inseriti i dati (non chiede alcun numero telefonico) mostra esattamente il tipo di tecnologia a disposizione e le velocità massime teoriche. Molto utile la possibilità di entrare in ogni dettaglio.

KPNQWEST
KPNQWEST

SET ICT Business Solution si spinge oltre, perché oltre a fornire gli stessi dati di KPNQWEST, mostra una scheda tecnica che svela la centrale di riferimento, la rispettiva distanza e anche la distanza dal proprio armadio di strada (cabinet). Si tratta comunque di stime. Nel mio caso ad esempio ho scoperto di essere a 86 metri dal cabinet e 240 metri dalla centrale. Una soglia che domani potrebbe consentirmi di sfruttare la tecnologia G.Fast e ottenere i 500 Mbps senza Fiber-to-the-home.

SET ICT Business Solution
SET ICT Business Solution

Oltre a questi potete utilizzare anche i servizi offerti da SOS Tariffe per controllare la presenza della fibra nella vostra zona.

Tecnologia G.Fast 

TIM e Fastweb hanno confermato da tempo di stare lavorando all'implementazione della tecnologia G.fast, ovvero uno standard che permette di fornire servizi tra i 200 e i 500 Mbps nel caso in cui il cabinet o il dispositivo di derivazione disti dall'appartamento a meno di 150 metri. In pratica sfrutta l'architettura rame-fibra (FTTC) e rimpiazza il VDSL2 sulle brevi distanze.

fastweb fttc
Fastweb

Per altro, nel caso di nuovi lavori, il posizionamento delle nuove apparecchiature in prossimità dei condomini (FTTdP) consentirebbe di fornire le massime prestazioni senza dover giungere con la fibra negli appartamenti. E si parla di apparecchi grandi quanto una scatola di un portatile.

Gfast
Prototipo G.fast del Tlab di Torino (2014)

Fastweb l'anno scorso ha mostrato come sotto i 150 metri dal cabinet si possano fornire poco meno di 300 Mbps con la sola VDSL Enhanced. Tra i 500 metri e i 600 metri non si riesce ad andare oltre i 150 Mbps.