IoT

Vodafone, abbiamo già 50 milioni di IoT connessi

Vodafone è il primo operatore mondiale ad aver raggiunto 50 milioni di dispositivi connessi. Lo storico risultato è stato possibile grazie all'aumento esponenziale delle tecnologie Internet of Things. I settori Automotive, healthcare e utilities hanno dato un enorme spinta all'aumento dei device connessi ma nuove soluzioni sono sempre in fase di sviluppo.

vodafone connected car
LTE-V2X Connected Car

Infatti, secondo i dati raccolti dal Vodafone IoT Barometer 2016, le imprese arrivano ad allocare fino al 24% delle spese informatiche nel solo settore dell'Internet of Things. Il settore industriale, in particolare quello minerario e quello per la gestione rifiuti, è il principale utilizzatore delle nuove tecnologie. L'approccio alle tecnologie IoT ha permesso all'86% delle aziende analizzate di ottenere notevoli aumenti dei profitti.

Questi dati confermano come l'IoT porterà un incremento di produttività importante sia a livello consumer ma soprattutto a livello business. Per questo motivo Vodafone dal 2011 ha avviato il processo di rinnovamento della propria infrastruttura implementando tecnologie machine-to-machine (M2M). Ciò ha permesso di migliorare le interazioni automatiche e lo scambio di informazioni che non richiedono l'intervento umano.

Ivo Rook, Director of IoT di Vodafone ha affermato che "il raggiungimento dei 50 milioni di connessioni conferma la nostra dedizione e il nostro impegno all'innovazione in questo settore dinamico e in rapida crescita." Riconosciuta globalmente come leader di settore dell'IoT, Vodafone, è anche partner di diversi progetti in grado di migliorare la vita e il lavoro di utenti e imprenditori.

yamaha tmax e piaggio bike
Yamaha TMAX Connect e Piaggio Wi-Bike

Moocall per esempio è un dispositivo che si applica sulle code delle mucche. In questo modo sarà possibile monitorare i parametri vitali durante la gravidanza e avvisare gli allevatori sulle contrazioni durante il parto. L'Esoscheletro Ekso Bionics invece è uno strumento in grado di mantenere eretti e far camminare pazienti colpiti da ictus e lesioni alla corda spinale. Grazie alle tecnologie Vodafone, è possibile monitorare in tempo reale le funzioni dell'esoscheletro.

Anche l'automotive è un altro settore in cui Vodafone è molto attiva. Possiamo infatti trovare Yamaha TMAX Connect, una moto connessa che permette di essere geolocalizzata se è necessario il soccorso. Poi il Piaggio Wi-Bike una bicicletta che comunica costantemente la propria posizione per scongiurare i furti, che può essere impostata per raggiungere i propri obiettivi di esercizio fisico. Infine la LTE-V2X Connected Car, una macchina che si potrà collegare ai veicoli e alle infrastrutture per garantire una maggiore sicurezza di guida.