Telco

Vodafone diventa un colosso: la Commissione UE ha dato l’ok all’operazione Liberty Global

La Commissione UE ha dato l’ok all’acquisizione di UnityMedia, l’asset TLC via cavo di Liberty Global per le attività in Repubblica ceca, Germania, Ungheria e Romania. L’Antitrust ha riconosciuto “la piena conformità” delle iniziative di garanzie proposte da Vodafone per concludere l’operazione da oltre 18 miliardi di euro.

Bisogna infatti ricordare che a dicembre in sede di Antitrust UE era stata avviata un’indagine approfondita sull’operazione a causa dei possibili rischi per la concorrenza nel mercato delle reti di nuova generazione in Germania e Repubblica Ceca.

Con la decisione di oggi l’Autorità europea ha riconosciuto a Vodafone di aver formulato “rimedi volti a garantire che gli utenti continuino a godere di prezzi equi, servizi di alta qualità e prodotti innovativi”. Vodafone a questo punto è destinata a diventare il principale operatore convergente in Europa, con 116,3 milioni di clienti mobili, 24,2 milioni di clienti a banda larga e 22,1 milioni di clienti TV in 13 paesi europei.

Photo credit - depositphotos.com

“Vodafone sarà proprietaria della più grande rete di prossima generazione in Europa, nonché di una delle più grandi piattaforme televisive del continente, e oltre la metà delle entrate del Gruppo arriverà da servizi fissi e convergenti”, puntualizza la nota ufficiale di Vodafone. “In qualità di leader europeo nelle comunicazioni tecnologiche, la società sarà in grado di accelerare la Gigabit Society per oltre 100 milioni di persone in tutto il continente”.

Nello specifico Vodafone fornirà in Germania connettività mobile Gigabit a 20 milioni di persone entro il 2021 e connettiva residenziale Gigabit a 25 milioni di famiglie entro il 2022. Come ha già annunciato in precedenza ha anche stipulato un accordo con Telefónica Deutschland per la fornitura all’ingrosso di connettività via cavo (cable) con velocità di download fino a 300 Mbps.

La convergenza nell’Europa centrale ed europea consentirà di aumentare “la concorrenza e le opzioni di scelta dei clienti, fungendo da catalizzatore per ulteriori innovazioni in termini di fornitura di reti e servizi e rendendo la società digitale una realtà”

Secondo Vodafone “in questi mercati le imprese combinate aggiorneranno le loro reti gigabit fisse per raggiungere oltre 6,4 milioni di case (il 39% delle famiglie totali) nei prossimi anni”. La transazione dovrebbe essere completata entro il 31 luglio 2019.