e-Gov

Vuzix M100 Smart Glasses tallona Google Project Glass

Vuzix Corporation sfida Google sul tempo nello sviluppo di occhiali interattivi. L'azienda statunitense ha infatti realizzato gli M100 Smart Glasses, un "visore" non dissimile dal Project Glass di Google, e ha recentemente cominciato a distribuire l'SDK (Software Development Kit) agli sviluppatori. Dovremmo vedere qualcosa in più al CES di Las Vegas ma il progetto, noto dallo scorso novembre, sembra a buon punto.

Il Vuzix M100 Smart Glasses integra uno schermo WQVGA (480×272), SoC OMAP 4430, Android 4.0, 1 GB di RAM, 4 GB di memoria interna, uno slot per schede microSD e una videocamera 720p. Stando alle dichiarazioni dell'azienda la visualizzazione che si ottiene è equivalente a quella di uno schermo da quattro pollici tenuto a circa 35 cm di distanza.

Vuzix M100 Smart Glasses

Non manca poi un Sistema "head tracker" per monitorare i movimenti, basato sull'ormai classica combinazione di giroscopio, bussola e accelerometro. L'azienda promette otto ore di autonomia se usato per le conversazioni telefoniche, che scendono a due ore con lo schermo acceso e a una se si attiva anche la videocamera. Il Vuzix M100 Smart Glasses ha connettività Wi-Fi e Bluetooth, nonché un sensore GPS.

La descrizione ufficiale dell'azienda ovviamente cita la realtà aumentata come potenziale destinazione d'uso di questo dispositivo, ma l'apertura agli sviluppatori fa capire che è solo una possibilità. Sarà infatti possibile installare applicazioni Android direttamente sul dispositivo – teoricamente sviluppate apposta – ma anche collegarlo a uno smartphone (anche iOS). Con questi occhiali hi-tech, in altre parole, si può controllare la posta, usare servizi di navigazione, guardare video e altro.

###old1468###old

Il progetto non è in effetti molto diverso da ciò che propone Google. Project Glass SDK è disponibile agli sviluppatori per 1500 dollari, mentre Vuzix Corporation ha due proposte, una da 999 e una da 7500 dollari. Vuzix non è certo l'ultima arrivata, ma considerando che Google gioca la stessa partita, questo sarà un grande successo o solo un grosso buco nell'acqua?