Tom's Hardware Italia
e-Gov

Whistleblower (informatori) protetti dalle nuove norme UE

Il Parlamento UE ha approvato nuove norme a tutela dei Whistleblower (informatori). Gli stati membri dovranno recepire le novità entro 2 anni.

Il Parlamento UE ha approvato le norme per proteggere gli informatori, i cosiddetti “Whistleblower“. Con 591 voti favorevoli, 29 contrari e 33 astensioni, la norma già concordata con i ministri UE, “stabilisce nuove regole a livello europeo per proteggere gli informatori che rivelano le violazioni del diritto comunitario in settori quali appalti pubblici, servizi finanziari, riciclaggio di denaro, sicurezza dei prodotti e dei trasporti, sicurezza nucleare, salute pubblica, protezione dei consumatori e dei dati”.

Bisognerà solo attendere l’approvazione formale dai ministri UE – procedura ormai scontata nell’esito e prevista a breve, dopodiché gli stati membri avranno a disposizione 24 mesi per il recepimento.

Le regole stabiliscono che le comunicazioni potranno avvenire tramite canali specifici di comunicazione all’interno delle aziende (le piccole sono esentate) o enti, presso autorità nazionali competenti, nonché gli organi e le agenzie competenti dell’UE. Sono esclusi da ogni obbligo i piccoli municipi.

La protezione dei whistleblower “qualora si ritenga che vi sia un pericolo imminente per l’interesse pubblico o un rischio di ritorsione” sarà garantita sia tramite i nuovi canali che in caso di divulgazione pubblica. “La legge vieta esplicitamente le rappresaglie e introduce delle salvaguardie, per evitare che chi denuncia sia sospeso, declassato e intimidito o che si trovi ad affrontare altre forme di ritorsione“, puntualizza la nota ufficiale. “Saranno tutelati anche coloro che assistono gli informatori, come i facilitatori, i colleghi e i parenti”.

Gli stati membri inoltre dovranno garantire agli informatori “accesso gratuito a informazioni e consulenze complete e indipendenti sulle procedure e sui mezzi di ricorso disponibili, nonché all’assistenza legale nel corso del procedimento”. Previsti durante eventuali procedimenti giudiziari, sia il sostegno finanziario che quello psicologico.

“I recenti scandali come LuxLeaks, Panama Papers e Football Leaks hanno contribuito a mettere in luce la grande precarietà di cui soffrono oggi gli informatori”, ha dichiarato la relatrice Virginie Rozière (S&D, FR). “Alla vigilia delle elezioni europee, il Parlamento europeo si è riunito per inviare un forte segnale, quello di aver ascoltato le preoccupazioni dei suoi cittadini, e ha insistito per l’adozione di regole solide che garantiscano la loro sicurezza e quella di coloro che scelgono di parlare”.

Da ricordare che l’Italia è tra i 10 Paesi che offrono già una protezione giuridica completa e una piattaforma specifica chiamata WhistleblowingPA, ma queste nuove norme consolidano ulteriormente ogni garanzia.