Telco

Wind Tre, 4,25 mln di sanzione per “fibra” e “illimitato”

Wind Tre è stata sanzionata per un ammontare complessivo di 4.250.000 di euro dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato per una pratica commerciale scorretta relativa ad alcune sue offerte mobili e fibra.

"Secondo l'Autorità, Wind Tre ha omesso e indicato in maniera ingannevole le informazioni riguardanti i servizi di navigazione in mobilità commercializzati con il marchio '3' e i servizi di connettività ad Internet con tecnologia in Fibra ottica", si legge nella nota ufficiale.

agcm

In pratica non fa fornito ai consumatori le informazioni sui costi del traffico mobile extrasoglia una volta esauriti i GB inclusi nell'offerta. I claim "Free Unlimited Plus" e "Naviga senza pensieri alla massima velocità con la rete 4G LTE di 3", lasciavano intendere erroneamente ai consumatori "che il servizio fosse caratterizzato da un traffico dati illimitato sia in download che in upload".

Sul fronte residenziale l'impiego del termine generico "fibra" non consentiva di "individuare gli elementi che distinguono, in concreto, le diverse tipologie di offerta". Ecco spiegata la decisione dell'AGCM di irrogare una sanzione di oltre 4 milioni di euro.

"La condotta ingannevole e omissiva risulta assumere particolare rilievo in considerazione dell'importanza del settore economico interessato, caratterizzato da modelli di consumo ed esigenze degli utenti che stanno mutando radicalmente a fronte di una crescente offerta di servizi digitali", conclude la nota.

In sintesi il vento è cambiato. Dopo anni di campagne pubblicitarie e comunicazioni commerciali che genericamente abusavano dei termini "fibra" e "illimitato", adesso le Autorità hanno deciso di intervenire. Non a caso poco meno di un mese fa anche TIM ha ricevuto una sanzione di 4,8 milioni di euro per comunicazione poco trasparente sui servizi fibra.

Leggi anche: Fibra-fibra o fibra-rame? Arrivano i bollini dell'AGCOM

A questo punto non resta che attendere l'esito della consultazione pubblica AGCOM sui bollini che contraddistingueranno le future offerte. Operatori avvertiti.