e-Gov

YouTube vende musica e apre VEVO con Universal

YouTube  apre ufficialmente alla vendita di tracce musicali, legate ai video che ospita, tramite il sistema ClickToBuy, che sbarca anche in Italia, dopo un periodo sperimentale negli Stati Uniti. In lista anche altri sette nuovi paesi.

Ogni volta che si vede un video musicale, se il servizio è attivo sarà disponibile un link a iTunes, il negozio online presso il quale potrete, previa registrazione, acquistare la traccia in questione, come spiegato sul blog ufficiale, in un post replicato anche su quello generale di Google.

L'accordo con iTunes è in vigore ormai da qualche tempo, ma viene da credere che, presto o tardi, ClickToBuy permetterà l'acquisto diretto della canzone, e, probabilmente, anche del video, come dimostrano le recenti variazioni del pannello utente.

Un servizio di compravendita che, crediamo, andrà ad affiancarsi ad iTunes, per soddisfare tutti coloro che vedono un ostacolo nell'installazione del programma, con relativa iscrizione al servizio offerto da Apple, e relativi prezzi.


Quasi scontato l'orientamento commerciale, un po' meno la scelta di usare Twitter.

Un'ulteriore nuovo passo dell'evoluzione "commercial" di YouTube, così come il nuovo accordo tra YouTube e Universal, la più grande major musicale del mondo. YouTube aprirà una nuova piattaforma video, chiamata Vevo, che ospiterà esclusivamente video musicali professionali e ufficiali, offerti esclusivamente in versioni ad alta qualità.

Vevo dovrebbe servire, così come la vendita di tracce musicali, a sostenere l'economia di YouTube, attirando inserzionisti pubblicitari. Fino ad oggi, infatti, la pubblicità su YouTube non ha convinto più di tanto.
Gli introiti pubblicitari di Vevo saranno divisi tra YouTube e Universal Music, ma la nuova piattaforma  dovrà vedersela con dei concorrenti  di tutto rispetto, prima di tutto Hulu.  Per renderla più forte, a quanto pare, il direttore di Universal, Doug Morris, sta portando avanti trattative con altre major musicali, per convincerle a partecipare a questo nuovo esperimento.

Se volete tenervi aggiornati su Vevo, potete registrarvi presso l'home page, oppure seguirla su Twitter, una scelta che alimenta le indiscrezioni sui rapporti tra il servizio di microblogging e Big G.