Tom's Hardware Italia
Telco

ZTE, Wind Tre e Open Fiber: prima videochiamata 5G da Barcellona a L’Aquila

ZTE, Wind Tre e Open Fiber hanno effettuato la prima videochiamata 5G attraverso il Mediterraneo sfruttando la nuova rete mobile e due prototipi 5G.

Oggi ZTE, Wind Tre e Open Fiber hanno effettuato la prima video-chiamata 5G attraverso il Mediterraneo: dal Mobile World Congress di Barcellona a L’Aquila, città sede del Centro di Ricerca e Innovazione sul 5G di ZTE. La diretta streaming ha mostrato due prototipi di smartphone in comunicazione su rete 5G conforme allo standard 3GPP R15.

“Come partner strategici, ZTE, Wind Tre e Open Fiber hanno condotto la sperimentazione del MISE in partnership con l’Università dell’Aquila, in programma dal 2018 al 2020″, ha ricordato la nota ufficiale congiunta. “In questo lasso di tempo, ZTE, Wind Tre e Open Fiber hanno sviluppato congiuntamente la prima rete 5G pre-commerciale in Europa. Inoltre, in occasione dello ZTE Wireless User Congress e del 5G Summit, tenutosi a L’Aquila lo scorso 15 novembre 2018, ZTE e i suoi partner hanno effettuato una dimostrazione 5G basata su HD UAV e live streaming Panorama VR”.

Da sottolineare che la videochiamata è stata possibile grazie alle soluzioni 5G end-to-end di ZTE, tra cui RAN, rete centrale, carrier e dispositivo. Il colosso cinese infatti è impegnato nella creazione di reti intelligenti premium per gli operatori dell’era 5G. Ormai si contano collaborazioni con 30 operatori di tutto il mondo e una linea prodotto completa per soddisfare le le esigenze della prima ondata di distribuzione della rete 5G. “In futuro, ZTE continuerà a lavorare con i suoi partner per promuovere pienamente la tecnologia 5G e accelerare la sua commercializzazione a livello mondiale, fornendo agli utenti globali esperienze 5G avanzate”, conclude la nota.

Il primo smartphone 5G ufficiale sarà comunque lo ZTE Axon 10 Pro 5G, che sbarcherà in Europa e Cina nella prima metà del 2019. Si basa sulla piattaforma mobile Qualcomm Snapdragon 855, abbinata al modem Snapdragon DX50 e un AI Performance Engine. Altri dettagli tecnici saranno poi svelati nei dettagli nei prossimi mesi, anche se è probabile che possa avere molto in comune con il nuovo Blade V10.

“Axon 10 Pro 5G presenta anche un design elegante, riconoscimento dell’impronta digitale in-display più veloce, e un audio straordinario, mentre le capacità di ottimizzazione grafica Axon Vision offrono ai consumatori incredibili foto e video”, sottolinea ZTE.

Lo sviluppo non è stato facile poiché a causa del supporto 5G gli ingegneri hanno dovuto risolvere diverse criticità come la compatibilità elettromagnetica, il design dell’antenna, il consumo energetico e la dissipazione del calore.

“ZTE ha utilizzato un modello corrispondente al consumo totale di energia e alla temperatura superficiale e ha migliorato con successo la dissipazione del calore applicando una tecnologia di raffreddamento a liquido e materiali termici compositi a cambiamento di fase”, ha sottolineato l’azienda.

“Lo smartphone Axon 10 Pro 5G di ZTE applica anche un’innovativa antenna per slot e un’architettura ad antenna regolabile per garantire il miglior segnale RF, identificando automaticamente gli scenari di utilizzo degli utenti. Inoltre, ZTE adotta la soluzione Smart SAR per ridurre in modo intelligente le radiazioni elettromagnetiche e minimizzare i danni al corpo umano”.