Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:
News su Guide ai regali di Natale
2 minuti

Amazon spedizioniere oceanico, la sfida è iniziata

Amazon aspira a diventare anche spedizioniere oceanico. Federal Maritime Commission ha registrato una sua sussidiaria che dovrebbe occuparsi dell'attività.

Amazon spedizioniere oceanico, la sfida è iniziata

Amazon a breve potrebbe diventare uno spedizioniere oceanico. La specialista in logistica Flexport ha scoperto che la Federal Maritime Commission ha inserito Amazon China nella lista delle società autorizzate alla vendita di servizi di consegna via mare. Ovviamente si parla di un'attività professionale, che prevede l'impiego di navi cargo.

Sea amazon
Prima o poi una nave cargo Amazon

Amazon con la sua capacità di gestione informatica di ogni operazione potrebbe ridurre drasticamente le sue spese di spedizione nel tempo. Oggi non è tanto il costo di un singolo cargo a pesare bensì tutto il sistema di organizzazione che si nasconde dietro – dalla logistica, ai permessi, etc. Flexport solo per la spedizione materiale da Shenzhen a Los Angeles fa pagare meno di 1300 dollari a container (standard da 12 m), quindi circa 0,135 dollari a collo dato che se ne possono stivare 10mila. Il viaggio di una TV attraverso il Pacifico costa meno di 10 dollari.

Il nome ufficiale della compagnia registrata è Beijing Century JOYO Courier Service Co. Ltd. E fa riferimento ad Amazon China. Da rilevare che nel 2004 CNET svelò l'acquisto di JOYO, uno dei più grandi negozi e-commerce cinesi. Due anni dopo la SEC confermò che si trattava di una sussidiaria del colosso di Seattle.

documento
Il documento

Secondo Flexport il nuovo servizio di spedizioni attirerà soprattutto i venditori cinesi, che avranno la possibilità di accedere più agevolmente al mercato statunitense. Gli americani invece eviteranno, poiché metterebbero a rischio i dati riguardanti i loro fornitori e i prezzi all'ingrosso applicati.

"Per la maggioranza dei 40mila venditori che vendono più di 1 milione di prodotti su Amazon, questo dato è troppo importante per essere lasciato in vista a colui che veste i panni sia di canale di distribuzione primario che di concorrente spietato", sostiene Flexport.

Amazon potrebbe infatti negoziare prezzi troppo concorrenziali oppure acquistare direttamente dai fornitori cinesi escludendo i piccoli importatori dal mercato.

Ad ogni modo l'attività di spedizioniere è ancora agli inizi e per vedere il primo cargo "Amazon" bisognerà attendere qualche anno.

 

AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #E-Gov?
Iscriviti alla newsletter!