AMD perde Jim Anderson, dirigente chiave della rinascita

AMD ha annunciato cambiamenti al vertice. Il primo è che Jim Anderson, Senior Vice President e General Manager del Computing and Graphics business group, ha deciso di lasciare l'azienda per perseguire nuove opportunità di carriera (questa almeno è la versione ufficiale).

Anderson è stato tra gli artefici della rinascita di AMD nel mondo delle CPU desktop con i prodotti Ryzen e Threadripper. In un certo senso può essere visto come l'omologo di Raja Koduri, l'ex boss della divisione grafica Radeon Technologies Group, che ha lasciato AMD a fine 2017 per andare a fondare la nuova divisione grafica di Intel.

jim anderson

Al posto di Anderson il CEO Lisa Su ha nominato Saeid Moshkelani, che ufficialmente ricoprirà la carica di senior vice president e general manager del Client Compute Group. Moshkelani si occuperà di tutti gli aspetti che riguardano i prodotti client di AMD, dalla strategia alla gestione fino alla parte ingegneristica, riportando direttamente a Lisa Su.

Saeid Moshkelani fa parte di AMD dal 2012, dove approdò come general manager della Semi-Custom Business Unit, divisione che da zero si è tramutata in un business multi-miliardario. Nella sua nuova veste andrà a fare proprio quello che faceva Anderson e sicuramente parte da una posizione di vantaggio, con una roadmap definita e prodotti di successo e già avviati.

Per quanto concerne Anderson, la nuova opportunità citata nel comunicato di AMD è la carica di CEO presso Lattice Semiconductor, un produttore di FPGA. Probabilmente ad Anderson non bastava più la carica ricoperta in AMD, ma un avanzamento nell'organigramma avrebbe probabilmente significato scontrarsi con Lisa Su: una partita persa in partenza, specie in questo periodo di crescita dell'azienda.

Che sia quindi stato gentilmente accompagnato alla porta o vi sia andato di sua spontanea volontà, considerando terminato il suo lavoro in AMD e aspirando a nuove sfide, ora è nell'olimpo dei CEO, dove si possono avere grandi soddisfazioni ma anche dolorose scottature. In bocca al lupo!


Tom's Consiglia

A poco più di 200 euro puoi acquistare una CPU potente con 6 core e 12 thread, completa di un dissipatore più che sufficiente per carichi quotidiani in bundle: stiamo parlando di Ryzen 5 2600X!

Pubblicità

AREE TEMATICHE