Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:
News su Guide ai regali di Natale
10 minuti

AMD Radeon HD3450 e HD3650, nuova gamma entry-level

Abbiamo provato alcune nuove schede Radeon della serie 3000, tenendo presente il rapporto prestazioni/prezzo, i consumi, le prestazioni e le schede della generazione precedente. Considerando un uso in HTPC, queste schede di fascia entry-level non riescono a convincerci.

Introduzione

Il supporto alle schede Radeon HD 3450 e HD 3650 era già presente nei driver ATI Catalyst 8.1, ma le schede di prova per la recensione sono arrivate solo poco tempo fa, mentre i nuovi chip grafici sono in circolazione, ufficialmente, dal 23 gennaio scorso. Sapphire ci ha inviato le prime schede basate sui nuovi processori grafici, precisamente le HD 3450 e HD 3650 OC. Abbiamo messo a confronto queste schede con le vecchie HD 2400 Pro e HD 2600 Pro, per valutarne le differenze.

Dalla serie 2x00 i chip ATI supportano la codifica video HD, che sgrava la CPU dai lavori di codifica. Una scheda Radeon HD 2400, 2600, 3450 o 3650 gestisce i calcoli necessari a riprodurre un contenuto in alta definizione con PowerDVD, caricando la CPU solo del 20/30%. Quando il software di riproduzione non è in grado di gestire correttamente i flussi HD, l'uso della CPU sale velocemente oltre il 60%. Problemi del genere sono stati riscontrati con vecchie versioni di PowerDVD o alcune versioni OEM. Per gestire al meglio la CPU, consigliamo di usare sempre programmi aggiornati.

La rumorosità e il consumo energetico sono due fattori da tenere in considerazione, soprattutto per chi è interessato ad un HTPC (Home Theater PC). I consumi di un moderno sistema, tuttavia, sono ancora rilevanti, nonostante i passi avanti siano notevoli, grazie anche al processo produttivo a 55 nm.

La Sapphire HD 3450 usa un sistema di raffreddamento passivo, che rende la scheda completamente silenziosa. Il nostro campione, invece, usa in sistema di raffreddamento attivo. L'adozione di sistemi molto silenziosi, in questa fascia di schede, è sicuramente possibile.

MSI ci ha fornito una 8600 GT contraddistinta da un'unità shader overcloccata. Nonostante sia equipaggiata con solo 256 MB di memoria video, questa scheda batte la HD 3650 in alcuni test. Considerando il prezzo basso, rappresenta un'alternativa economica alle schede ATI.

Specifiche - Radeon HD 3450 e HD 3470

Per il nostro test abbiamo ricevuto la versione di fascia bassa, la HD 3450; la differenza più ovvia rispetto il modello HD 3470 risiede nella memoria, DDR2 anziché DDR3. L'uso della memoria DDR2 offre però un vantaggio: la possibilità di utilizzare parte della RAM di sistema per aumentare la memoria grafica, usando la tecnologia HyperMemory. Una soluzione che, alle alte risoluzioni, può dare qualche punto in più.

Questi processori grafici sono modelli entry-level, dotati di solo 40 stream processor e un'interfaccia di memoria di 64 bit, quindi inutilizzabili con i giochi DirectX 10. Non aspettatevi di poter giocare a risoluzioni superiori a 1024 o dettagli alti. Una scheda HD 34x0 è adatta a sistemi HTPC, o ambienti 2D, come applicazioni da ufficio e navigazione internet.

Specifiche - Radeon HD 3650

Secondo le specifiche ATI, la 3650 esiste in due versioni, una basata su memoria DDR2 e una su DDR3. Abbiamo ricevuto un modello overcloccato della versione basata su memorie DDR3, dotata di raffreddamento attivo. Probabilmente ATI potrà presentare un modello HD 3670, ma non si hanno ancora informazioni certe.

Dotata di 120 stream processor e di un'interfaccia di memoria a 128 bit, la HD 3650 (GDDR3) è circa tre volte più veloce della HD3450 (DDR2). Le sue prestazioni, però, non sono ancora sufficienti per giocare agevolmente, specialmente alle alte risoluzioni e con effetti DirectX 10 elaborati. Con qualità media e risoluzione di 1024 x 768, la scheda è in grado di fornire prestazioni idonee, ma non oltre. È un buon compromesso per chi vuole costruire un HTPC, ma che non disdegna qualche sessione di gioco ogni tanto.

Continua a pagina 2
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Schede video?
Iscriviti alla newsletter!