Android Wear 2.0, gli smartwatch sono sempre più autonomi

Google ha deciso di alzare il sipario su Android Wear 2.0. Si tratta della nuova versione del sistema operativo pensato e sviluppato per i dispositivi wearable. I cambiamenti apportati dall'azienda di Mountain Wiew al sistema coinvolgono sia le funzionalità che l'interfaccia

.

L'obiettivo principale di Google è quello di rendere i dispositivi equipaggiati con Android Wear 2.0 dei terminali stand-alone. Nonostante diano il meglio di sé in abbinamento ad uno smartphone, l'utente può sfruttare la piena potenzialità dello smartwatch anche se non è collegato.

wear collection 1990

Il passo più significativo in questa direzione è stato effettuato dotando il sistema operativo di un proprio Play Store. È possibile selezionare ed installare le applicazioni direttamente dall'orologio senza passare più dallo smartphone. Saranno avvantaggiati i dispositivi dotati di connessione LTE e Wi-Fi in quanto potranno collegarsi direttamente alla rete internet.

Arriva anche Google Assistant, l'assistente vocale equipaggiato dai dispositivi Pixel. Grazie al nuovo algoritmo, il riconoscimento della voce è più preciso e la trascrizione della dettatura più accurata. Sebbene l'assistente opererà direttamente sullo smartwatch, i dati verranno inviati via Wi-Fi o LTE al cloud per l'analisi. Nel caso in cui il dispositivo non fosse connesso alla rete, comunicherà tramite Bluetooth con lo smartphone.

Sono state fatte interessanti modifiche anche per Android Pay, il servizio di pagamento di Google. Grazie alla compatibilità con il sistema operativo wearable, sarà possibile pagare ai POS abilitati per l'NFC. Poggiando l'orologio vicino al ricevitore si effettuerà il pagamento con le carte di credito/debito collegate all'account Google.

Dal punto di vista estetico, il look delle watchfaces è stato rivisto e ne sono state introdotte di nuove. È possibile integrare e visualizzare diversi servizi per una consultazione veloce come il calendario o il sensore di battito cardiaco. In caso di necessità è possibile impostare la modalità always-on del dispositivo per visualizzare determinate informazioni come appuntamenti o risultati sportivi da raggiungere.

Android Wear debutterà ufficialmente nel corso delle prossime settimane. I dispositivi ufficialmete supportati saranno:  ASUS ZenWatch 2 & 3, Casio Smart Outdoor Watch, Casio PRO TREK Smart, tutta la gamma Fossil Q, Huawei Watch, LG Watch R, LG Watch Urbane & 2nd Edition LTE, Michael Kors Access Smartwatches, Moto 360 2nd Gen, Moto 360 for Women, Moto 360 Sport, New Balance RunIQ, Nixon Mission, Polar M600 and TAG Heuer Connected.

Asus Zenwatch 3 Asus Zenwatch 3
  
Huawei Watch Huawei Watch
  
Motorola Moto 360 Sport Motorola Moto 360 Sport
  

Pubblicità

AREE TEMATICHE