Io, Androide. Detroit: Become Human nella fantascienza

L'opera

1 / 2

L'opera

Da sempre il mondo della fantascienza ha avuto tra i suoi fili conduttori il tema dell'intelligenza artificiale. Le infinite implicazioni filosofiche, morali e scientifiche che risiedono alla base della creazione di una "macchina intelligente" alimentano la penna di scrittori da decenni, portano sul grande schermo grandiosi film ogni anno, e nondimeno danno adito alla creazione di brillanti videogiochi. Nel 2017, con film come Blade Runner 2049,  ci è stato ricordato che il genere sci-fi è tutt'altro che morto, e quest'anno non sarà da meno, grazie ad esempio a Detroit: Become Human.

Tra le tante ispirazioni che hanno portato David Cage alle concezione di Detroit, c'è un libro: The Singularity Is Near, scritto dall'informatico e futurista (inteso come futurologo) Raymond Kurzweil. Nel campo della tecnologia, una singolarità è un punto nel tempo in cui il progresso di una civiltà diviene talmente rapido da non essere più compresa e controllata dai suoi stessi creatori. Tale evento può essere ad esempio causato dalla creazione di un'intelligenza superiore.

nier cover
In NieR: Automata, è l'androide che si chiede cosa lo distingua dal mero robot.

Partendo dal principio dobbiamo però parlare della Legge dei ritorni accelerati, ovvero un'espansione della nota Legge di Moore che estende il campo esponenziale dai microcircuiti alla tecnologia in generale. Alla base della Legge dei ritorni accelerati abbiamo l'assunto che ogni nuova scoperta tecnologica getti le basi per la scoperta di altri nuovi progressi di livello più elevato. Ogni qual volta una tecnologia raggiunge il suo picco (individuabile nel miglior rapporto costo produttivo / prestazione) essa viene abbandonata prima del suo inevitabile declino. Si crea quindi una scala esponenziale in cui ogni tecnologia è un gradino, che rende possibile una crescita non lineare, portando quindi alla creazione di una singolarità tecnologica.

Applicando i principi Kurzweil all'evoluzione del nostro pianeta, è possibile notare come essi vi aderiscano. Lo scrittore costruisce sei epoche, chiamate Epoche di Kurzweil, sei stati di evoluzione sempre più rapidi che portano all'inevitabile singolarità e al risveglio dell'universo. 

La prima epoca è quella di fisica e chimica, la costituzione della cellula e l'introduzione del paradigma biologico.
Nella seconda epoca abbiamo l'affermazione della biologia, il DNA come metodo di registrazione dei processi chimici e fisici.
La terza epoca è il cervello, il pensiero razionale e la presa di coscienza.
La quarta epoca è quella nella quale viviamo: quella della tecnologia, il momento in cui il paradigma dovrebbe slegarsi dalla biologia.

Quinta Alba

La quinta epoca di Kurzweil coincide con la costituzione di una singolarità, David Cage prende spunto, come già detto, dal libro "La singolarità è vicina" per gettare le basi di Detroit: Become Human. L'umanità arriva ad una svolta tecnologia epocale, senza quasi rendersi conto di aver creato una macchina che trascende i paradigmi biologici, e supera il proprio creatore.

alien1 1000x600
"Versami il tè."

Lavorando come ha sempre fatto, ovvero su più prospettive, Cage vuole raccontare alcuni degli eterni dilemmi della fantascienza, tra i quali spicca sicuramente quello della coscienza. Detroit: Become Human non può essere altro - un po' come la tecnologia - frutto delle precedenti esperienze dell'autore. Ci troveremo di fronte quindi ad un prodotto quasi sicuramente derivativo, ma non per questo assolutamente meno importanti, anzi.

I tre protagonisti costruiti da Cage in 3,000 pagine di sceneggiatura possono essere tutti in qualche modo ricondotti ad esperienze fantascientifiche precedenti: Konnor, Markus e Kara. Ci ritroveremo nei panni di tre androidi diversi, costruiti dall'uomo con scopi completamente differenti, ma che tramite storie in grado di incrociarsi e convergere, forniranno alla storia creata da Quantic Dream un impatto molto più forte.

I personaggi

Il detective

blade runner 2049 k deckard copertina

Sci-Fi e detective sono una coppia felicemente sposata da più di trent'anni. Il rappresentante più importante di questa unione è sicuramente il leggendario Blade Runner, assieme al suo degno seguito ambientato nel 2049. In questo capolavoro del 1982 di Ridley Scott, basato sulle opere visionarie di Philip K. Dick, abbiamo un enorme concentrato di quella che è la fantascienza in generale, con il protagonista Deckard impegnato nella caccia di androidi fuori controllo.

Blade Runner getta le basi per il futuro del dilemma dell'androide, e il suo seguito approfondisce ancora di più il discorso: quando un androide nemmeno si rende conto di essere un prodotto artificiale, può essere considerato diverso da un essere umano? RK800 è il primo dei tre protagonisti di Detroit, e non è sicuramente un caso che Cage abbia scelto di introdurre nel suo titolo la figura del detective, se non per l'importanza e la complessità delle sue azioni in generale, anche solo per pura voglia di strizzare l'occhio ai fan del genere.

connor JPG

Scelto come rappresentante principale della campagna pubblicitaria dedicata a Detroit, Connor è un prototipo di androide creato per aiutare gli agente di polizia nel corso delle loro indagini, e il suo debutto sul campo avviene nella maniera più delicata possibile. Mandato da CyberLife a sostegno di Hank Anderson durante un'emergenza, dovrà riuscire a salvare la vita di Emma Philips, una bambina presa in ostaggio dall'androide Daniel, andato fuori controllo.

Il tema dell'androide contro l'androide è un punto focale della prima ora di Detroit, dove ci caleremo nei panni del paria sociale per antonomasia, schiavo degli umani, ma che non può schierarsi dalla parte dei costrutti. La figura di Connor, e del detective in generale - specie se non umano - è sicuramente tra le più affascinanti del mondo fantascientifico, e siamo sicuri che non potrà che stupirci in positivo.

Il ribelle

cq5dam web 1200 675
Parlare di fantascienza e soprattutto di androidi senza citare Isaac Asimov è un insulto a chiunque abbia mai apprezzato il genio dello scrittore statunitense. Tra i più importanti contributi al genere - oltre all'incredibile storia della Fondazione - è impossibile non citare le tre leggi della robotica.
 
  1. Un robot non può recar danno a un essere umano né può permettere che, a causa del proprio mancato intervento, un essere umano riceva danno.
     
  2. Un robot deve obbedire agli ordini impartiti dagli esseri umani, purché tali ordini non contravvengano alla Prima Legge.
     
  3. Un robot deve proteggere la propria esistenza, purché questa autodifesa non contrasti con la Prima o con la Seconda Legge. 

will smiths 2004 i robot was surprisingly right about the future

In Detroit: Become Human ci caleremo nei panni RK2000, meglio conosciuto come Markus. Androide che passerà dall'essere infermiere e badante del pittore Carl Manfred, a leader della rivoluzione. Esposto alla letteratura, all'arte e alla musica, svilupperà un incredibile affetto per il proprio padrone, diventandone praticamente il figlio. Il paragone con Io, Robot in questo caso risulta quasi scontato: il conflitto tra padrone e servo, un androide che nasconde qualcosa di molto più profondo, e un destino dai risvolti fondamentali per la razza umana e quella di costrutti.

Nelle epoche di Kurzweil si potrebbe quasi identificare un passo intermedio, dal momento di creazione di un paradigma superiore al precedente - nel nostro caso l'androide - al momento in cui questa nuova forma di vita realizza la propria superiorità. Abbiamo un fantastico esempio di questa dinamica nella nuova stagione di Westworld ancora in corso, ed in particolare nel personaggio di Dolores, ribelle - almeno per il momento - per eccellenza.

DCKldmBXcAAMa h

Il filone narrativo della fantascienza che segue le vicende di androidi ribelli è probabilmente tra i più complessi e popolati del genere, e oltre al già citato Asimov, possiamo trovarne forti esempi nella saga di Alien, e con implicazioni psicologiche e filosofiche ancora più particolari, in Ghost in the Shell. Il ruolo a doppia faccia di Markus sarà fondamentale nella storia di Detroit: Become Human. Il destino della razza androide sarà segnato da una ribellione violenta o pacifica?

Kara

1936416

AX400, conosciuta come Kara, è la protagonista di uno dei migliori trailer che abbiamo avuto modo di vedere negli ultimi anni. Costruita - come tutti gli androidi in realtà - per servire, affronterà uno dei dilemmi più difficili per un robot, ritrovandosi a dover scegliere tra seguire le regole che le sono imposte, o proteggere Alice Williams dal padre abusivo.

Non è difficile trovare parallelismi tra la storia di Kara e quella di moltissimi altri androidi, sia nel genere letterario che in quello cinematografico. La presa di coscienza del robot rispetto all'essere umano, il sacrificio e l'inaspettato emergere delle emozioni in una macchina artificiale saranno sicuramente tra i temi più importanti ed interessanti di Detroit: Become Human.

Tra i tre protagonisti di Detroit, Kara è sicuramente quella con cui sarà più facile empatizzare. Con il proseguire della storia il legame emotivo instaurato con Alice diventerà sempre più forte, e l'androide farà da specchio per riflettere e mostrare ai giocatori un mondo pieno di conflitti.

La storia di Kara è resa ancora più interessante dal fatto che, appena costruita, mostra pensieri indipendenti, e per questo viene quasi disassemblata, traducendo però quei pensieri in emozioni, suscità pietà nell'operatore di CyberLife che dovrebbe terminarla. 

Scelte

detroit android 750x430

Come da tradizione il nuovo titolo di Cage sarà incentrato sulle possibili scelte del giocatore: ogni dilemma morale, ogni azione e ogni decisione contribuiranno a costruire il percorso dei tre protagonisti dell'avventura. La prima demo del titolo, nella quale prendiamo i panni di Connor, ci ha dimostrato che a volte completare con successo una missione non è l'unica cosa che conta. 

Mentre un androide impazzito minaccia di buttarsi dal tetto di un palazzo assieme alla bambina che dovrebbe proteggere, possiamo scegliere di mentire facendogli credere che arrendendosi non gli sarà fatto alcun male. Inutile dire che lo sguardo incredulo negli occhi dell'androide mentre ci dice "Mi hai mentito, Connor..." è quasi più intollerabile che leggere un semplice "game over". Se una delle critiche mosse più spesso ai titoli di Quantic Dream è quella di non essere impegnativi a livello di gameplay, d'altra parte possiamo sicuramente dire che in quanto a sensazioni suscitate i giochi di Cage non siano secondi a nessuno. 

A volte la vera sfida non sta nel premere con il giusto tempismo una serie di bottoni, ma nel dover scegliere di affrontare le conseguenze delle proprie azioni. Con Detroit: Become Human speriamo si apra una "terza era" per le avventure grafiche, e grazie alla rivalsa del genere fantascientifico negli ultimi anni siamo sicuri che il grande pubblico saprà apprezzare ancora maggiormente la storia di questo titolo.

Disponibile dal 25 maggio, Detroit: Become Human è un'esclusiva PlayStation 4 che potrebbe rivelarsi ben più di un bel gioco, diventando il nuovo capolavoro di Quantic Dream.


Tom's Consiglia

Volete addentrarvi nell'universo di Detroit: Become Human? Potete acquistarlo al seguente indirizzo, buon divertimento.

Continua a pagina 2

Pubblicità

AREE TEMATICHE