Aston Martin, arriva il SUV e si pensa all'elettrico

La casa britannica Aston Martin, le cui automobili sono entrate nell'immaginario collettivo grazie all'agente 007 James Bond, ha annunciato l'arrivo di un SUV sotto il suo brand che arriverà a fine 2019 e che verrà costruito nello stabilimento di St Athan, nel Regno Unito.

La stessa infrastruttura, denominata nel comunicato stampa ufficiale "La casa dell'elettrificazione", verrà inoltre usata per costruire i veicoli del brand Lagonda, ma anche la Rapid E, prima sportiva elettrica di Aston Martin, e tutti i futuri veicoli elettrici.

Dm4CUBXXcAEBfkC

Che i SUV siano molto apprezzati è ormai molto chiaro, tanto da spingere molte case che storicamente sono legate ai concetti di lusso e sportività a produrne uno. È il caso di Porsche e Bentley, ma anche Rolls-Royce, Lamborghini e addirittura in Ferrari avrebbero in programma la produzione di un crossover nei prossimi anni. Quello di Aston Martin è già in avanzato stato di sviluppo e il suo arrivo sul mercato è previsto tra circa un anno.

25 cars worth waiting for aston martin dbx inline photo 677443 s original

Parlando invece di veicoli elettrici, a parte quelli di Lagonda, sarebbe in dirittura d'arrivo anche la futura Rapide E, tanto da spingere gli inglesi a comunicarne i dati ufficiali. Sarà equipaggiata da un sistema di batterie da 800 Volt con una capacità di 65 kWh, costituite da ben 5600 celle cilindriche. Il pacco batterie prenderà il posto dell'attuale motore V12 da 6.0 litri, nella parte anteriore.

2020 Aston Martin Lagonda SUV 820x461
Suv Lagonda

I motori, situati invece nella parte posteriore, saranno uno per ruota in grado di garantire una potenza di 610 cavalli e un'impressionante coppia di 950 Nm. Trattandosi di un'auto sportiva, l'attenzione si concentra prima di tutto sulle prestazioni.

Leggi anche: Mercedes-Benz EQC, primo SUV elettrico della casa di Stoccarda.

La nuova vettura raggiungerà i 100km/h in appena 4 secondi con una velocità massima di circa 250km/h e permetterà di passare dagli 80 ai 110km/h in soli 1,5 secondi. Valori di assoluto rispetto. È importante sottolineare che tali prestazioni saranno disponibili in qualsiasi momento, non solo quando le batterie sono pienamente cariche, come avviene in altri casi. L'autonomia, in accordo con la nuova procedura di test WLTP (Worldwide Harmonised Light Vehicle Test Procedure), è di 320km.

rapide s 2

La carrozzeria e la parte inferiore hanno subito diverse ottimizzazioni per migliorare l'aerodinamica, insieme alle nuove ruote, che montano pneumatici Pirelli P-Zero a bassa resistenza di rotolamento con un innovativo sistema di riduzione del rumore: tali accortezze permetteranno alla Rapide E di avere un'aerodinamica e un comfort di marcia superiori rispetto alla Rapide S.

Dm4V5fCXsAEI5ny
I due motori elettrici saranno inoltre coadiuvati da un differenziale autobloccante che in armonia con il sistema di sospensioni appositamente tarato e il telaio, riusciranno a restituire il classico feeling di guida che ogni possessore di Aston Martin si aspetta.

Nonostante siano previste solamente 155 unità, la Rapide E rappresenta un modello destinato a passare alla storia della casa britannica, in quanto, trattandosi della prima vettura totalmente elettrica, consentirà ad Aston Martin di ricevere preziose informazioni e dunque accelerare lo sviluppo tecnologico dei modelli futuri. La consegna è prevista per la fine del 2019.

Pubblicità

AREE TEMATICHE