Asus ROG Zephyrus M, il gaming portatile senza compromessi

Non è un segreto che i PC Desktop vengano riconosciuti dai giocatori come la piattaforma perfetta per videogiocare ad alte prestazioni e senza limiti di alcun genere, mostrando uno scetticismo evidente verso i portatili, il tutto nonostante comunque la presenza di prodotti di ottima qualità che più volte si sono avvicinati ai computer fissi dal punto di vista hardware e di ottimizzazione. Asus nel 2006, fondando il marchio Republic of Gamers -ROG-, volle dimostrare di saper creare i migliori preassemblati Desktop del mondo dedicati proprio ai giocatori su PC più assidui. Il coraggio li portò, tuttavia, a lavorare anche sulla produzione di portatili da gaming ad alte prestazioni, capaci di eliminare, o quasi, le disparità tra gaming portatile e fisso, raggiungendo risultati davvero notevoli e apprezzamenti riconosciuti da una grossa schiera di videogiocatori.

Con un misto di curiosità ed eccitazione, ci siamo quindi buttati a capofitto sul testare a livello videoludico le potenzialità dell'Asus ROG Zephyrus M,  uno dei portatili top di gamma dell'azienda taiwanese che abbiamo già avuto modo di recensire. Nella nostra prova abbiamo analizzato diversi fattori: calore emesso, prestazioni a lungo periodo e rumore generato.

Gaming senza compromessi in Full HD

Si sa, se i gamer scelgono i PC non vogliono compromessi di alcun tipo, disposti si, a pagare una somma ragionevole, ma senza dover spingersi a riaffacciarsi su un nuovo acquisto in tempi brevi. L'hardware messo a disposizione risponde senza dubbi a queste richieste: GTX 1070 8GB,  Intel® Core™i7-8750H di ottava generazione, 16GB di ram DDR4 -espandibile fino a 32GB- e un monitor 15 pollici IPS Full HD con un refresh rate di 144Hz. Forse proprio lo stesso schermo è l'unico tallone d'achille dell'intero prodotto, con le potenzialità offerte dal PC, sarebbe stato interessante testare qualche titolo in 4K, ma come abbiamo già avuto modo di accennare questo computer vuole evitare di scendere a compromessi per il gaming in 1080p, raggiungendo massime performance su ogni singolo titolo testato. Tra questi figurano: Diablo 3, Starcraft II, Dota 2, PUBG, Crysis, The Witcher 3 e S.T.A.L.K.E.R. Shadow of Cernobyl, titoli di diversa fascia e tipologia che riescono senza problemi a raggiungere i massimi settaggi offerti senza alcuna difficoltà, è lecito aspettarsi, quindi, una fluidità e una pulizia su schermo impeccabile. Il margine di lavoro lasciato dalla GPU consentirebbe di raggiungere massimi risultati su praticamente ogni videogioco moderno, di ieri e di domani.

Questo ROG Zephyrus non si è scordato degli amanti della realtà virtuale, anche se non abbiamo avuto modo di testarla, possiamo garantirvi che il PC è predisposto per essere VR Ready e quindi poter supportare senza limitazioni periferiche dal calibro di Oculus Rift e HTC Vive. Da segnalare la mancanza di un lettore DVD/Blu ray, assenza che in ogni caso non ci sorprende, visto l'indirizzo del mercato gaming, ormai orientato al digitale e sempre più lontano dal retail. Da citare anche la discreta durata della batteria, che può anche supportare fino un massimo di 5 ore di gioco, che diventano 2 se si decide di attivare il tanto amato G-Sync

Leggi anche: Guida all'acquisto del notebook

Massima efficienza

Un computer con questo tipo di hardware, in uno spazio tutto sommato ristretto - il monitor è un 15.6 pollici, ed è il pc più sottile della serie ROG-, è lecito che scaldi in maniera decisa; difficile smentire questa affermazione, i portatili lavorano esattamente come i Desktop, ma lo fanno in dimensioni decisamente ridotte, quindi il calore generato non è una novità. Ma come ha dimostrato Xbox One X, se si effettua un lavoro di tutto rispetto, è possibile ridurre al minimo questa piccola problematica. La prima ora di gioco è sicuramente quella più intensa, dove il ROG lavora al massimo dell'efficienza, vi farà però piacere sentire che col passare delle ore, il calore invece di aumentare, tende ad attenuarsi, questo grazie anche alle nuove tecnologie Active Aeredynamic System (AAS) integrate nelle schede grafiche moderne integrate nei portatili. A conti fatti il PC risulta col passare del tempo soprendentemente fresco, persino in giornate altamente calde come quelle estive.

Se la dissipazione del calore lascia davvero stupiti, non è da meno il rumore generato: praticamente nullo e inesistente, se non, come abbiamo sopracitato, nella prima ora di gioco dove il computer lavora a massimo sforzo. Una piacevole sorpresa che senza nasconderci riteniamo un valore aggiunto per il prodotto; difficile trovare un portatile silenzioso come questo ROG Zephyrus M e per noi videogiocatori è davvero un plus da non sottovalutare.

Leggi anche: La recensione del ROG Zephyrus M GM501

Conclusioni

Asus con questo incredibile ROG Zephyrus M è riuscita a mantenere la promessa: zero compromessi - se non per la mancanza di un lettore DVD/Blu Ray- per videogiochi in Full HD, settaggi ultra e framerate minimo ancorato ai 60fps, persino per giochi con un'ottimizzazione parecchio deficitaria come PUBG. Anche con diverse ore di gioco, il computer riesce a rimanere incredibilmente fresco e sorprendentemente silenzioso, quasi impercettibile durante le sessioni di gaming. La sua bellezza estetica e l'essere predisposto alla VR e al G-Sync, completano un quadro chiaro: per chi ha necessità di un portatile da gioco ad alte prestazioni, può trovare nel ROG Zephyrus quello che sta cercando, a patto di aver ben chiaro in mente il costo di un prodotto simile.


Tom's Consiglia

Magari può interessarvi il precedente ROG Zephyrus, potete trovarlo su Amazon.

 

 

Pubblicità

AREE TEMATICHE