Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:
4 minuti

Audi adotta gli Oculus Rift e progetta un rover lunare

Audi ha presentato due novità distinte al CES 2016 e al Detroit Auto Show. A Las Vegas sbarcano gli Oculus Rift da usare negli autosaloni per scegliere l'allestimento della vettura. A Detroit è protagonista il rover sponsorizzato da Audi che andrà sulla Luna.

Audi adotta gli Oculus Rift e progetta un rover lunare

Audi ha mostrato al CES 2016 una novità che sarà disponibile in alcuni autosaloni scelti a partire dal secondo trimestre: i clienti potranno indossare dei visori HTC Vive o Oculus Rift per un'esperienza d'acquisto migliore.

Moon+ +Audi+R8+ +3

I clienti potranno personalizzare uno qualsiasi dei 52 modelli di Audi vedendo in tempo reale l'aspetto della vettura, camminandogli attorno e valutando ogni dettaglio. Un procedimento simile a quello che si segue con i configuratori online delle auto, ma molto più realistico.

I concessionari avranno in dotazione un kit che contiene gli occhiali VR, un paio di cuffie Bang & Olufsen in modo da far sentire ai clienti sia i suoni della dimostrazione sia quello che dicono le persone attorno a loro. Nella demo mostrata a CES si potevano aprire le porte e il vano motore e dare un'occhiata sia a quest'ultimo sia all'interno dell'abitacolo.

audi rover 106 1020 0

L'altra novità curiosa che riguarda Audi è la sua partecipazione all'X Prize di Google, la competizione che offre 30 milioni di dollari all'azienda privata che propone il miglior robot per il suolo lunare. Fra i molti concorrenti che stanno gareggiando per questo premio c'è anche il gruppo di scienziati tedeschi Part Time Scientists sponsorizzati dalla casa automobilistica.

Il rover che hanno progettato è in esposizione al salone dell'auto di Detroit (North American International Auto Show), è un prototipo funzionante ed è capace di muoversi sul pavimento dell'esposizione per mostrare le sue caratteristiche principali.

audi rover 110 1020 0

Quasi tutta la struttura è realizzata in alluminio e titanio ed è stampata in 3D, sia per necessità di progettazione sia perché – spiegano dal team – il suolo lunare è ricco di alluminio, titanio e magnesio quindi una composizione come quella scelta consentirebbe di creare pezzi di ricambio direttamente sulla Luna. In sostanza, ritroviamo il concetto già esplorato in molti casi, che è molto più facile costruire qualcosa direttamente in loco anziché farlo sulla Terra e spedirlo nello Spazio.

Un'altra idea di questo brillante gruppo è quella di "fondere" la superficie lunare per creare strade facilmente percorribili dai robot lunari. Il vantaggio è che potrebbero muoversi agilmente su percorsi prestabiliti e a velocità superiori rispetto al "fuoristrada" sulla polvere lunare.

Quello che propone Audi è il matrimonio fra il know-how di una storica casa automobilistica e le imprese aerospaziali a cui stanno lavorando le agenzie spaziali. "Se si usa la tecnologia giusta si può aprire la strada a una nuova esplorazione" ha spiegato Robert Böhme, CEO di PT Scientists. "Non è solo una questione di esplorazione, ma anche di trovare un vantaggio commerciale per le future missioni".

L'obiettivo finale è quello di viaggiare verso il Lunar Rover Vehicle (LRV) lasciato dall'Apollo 17 circa 43 anni fa. La NASA chiede che tutti i veicoli che andranno sulla Luna non atterrino troppo vicino allo storico luogo in cui è fermo per tutelarlo, ma questo rover potrebbe atterrare nelle vicinanze e quindi muoversi verso l'LRV, per vedere come si è mantenuto negli anni in questo ambiente difficile.

Il suo esame potrebbe farci avere "una grande quantità di informazioni utili per migliorare la scienza dei materiali e imparare cosa va bene e cosa no per un'esposizione a lungo termine".

L'obiettivo finale del progetto, secondo Böhme, non è vincere l'X Prize, ma raggiungere l'LRV, che richiederebbe un percorso di 2,3 chilometri dal luogo di atterraggio previsto, che è quasi cinque volte la distanza necessaria per aggiudicarsi il premio.

Böhme aggiunge infine che "atterrare e guidare per 500 metri sulla Luna non dà alcun valore all'umanità". Invece esplorare l'LRV e imparare a creare pezzi in loco per future missioni sulla Luna, utilizzando il suolo lunare, potrebbe aprire un nuovo mondo per l'esplorazione".

Il primo obiettivo è di lanciare un paio di rover sulla Luna entro il terzo trimestre del 2017. Aspettiamo fiduciosi.

Samsung Gear VR Samsung Gear VR
Freefly VR Virtual Reality Headset Freefly VR Virtual Reality Headset
HOMIDO VR - Visore per Realtà Virtuale 3D 360 gradi HOMIDO VR - Visore per Realtà Virtuale 3D 360 gradi
ZEISS VR ONE - Visore per la realtà virtuale ZEISS VR ONE - Visore per la realtà virtuale
AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Auto e Moto?
Iscriviti alla newsletter!