Moto

Ducati World Première, tutte le novità per il 2020

Si è concluso il Ducati World Première 2020, evento molto atteso avvenuto ieri al Palacongressi di Rimini, tenuto interamente dal CEO dell’azienda Claudio Domenicali. L’evento è iniziato alle 11.30 e si è concluso verso le 12:45 ed è stato seguito da molti appassionati anche in diretta streaming tramite Sky, Facebook, Youtube e il sito di Ducati. Anticipando di qualche giorno EICMA, la casa di Borgo Panigale ha svelato la propria nuova linea di moto, e non solo.

L’evento si apre con il richiamo di quello che è il luogo in cui si è svolta la conferenza, ovvero la terra della Motor Valley, luogo dove sono nati grandi marchi automobilistici e motociclistici, come Lamborghini, Ferrari, Maserati, Dallara e molti altri. Grandi marchi che hanno in comune qualità, design e passione per la velocità, caratteristiche che li hanno resi grandi in tutto il mondo e tra questi si pone e si vuole porre anche Ducati. L’evento ci conduce a scoprire alcuni prodotti della linea di casa Ducati partendo dal nuovo mondo delle E-Mountain Bike, passando dalle famose Scrambler e Diavel, portandoci in viaggio con la grande famiglia delle Multistrada, fino a raggiungere il mondo delle sportive e “pistaiole” Panigale e concludendosi con le “nude”, in particolare con il nuovissimo e aggressivo Streetfighter V4.

E-Mountainbike

Ducati decide di puntare ancora di più in questo mondo, ancora nuovo per lei, proponendo un ampliamento della gamma con altri tre modelli in aggiunta del già presente Mig RR.

Il primo è il  Mig RR Limited Edition, una versione speciale del Mig RR, che vedrà prodotte soltanto 50 unità. Il nuovo modello dispone di componenti esclusivi, rispetto alla versione base, quali le sospensioni Ohlins, i cerchi in carbonio, un cambio elettro assistito, ben due batterie per un totale di 1000 Wh (la seconda batteria viene fornita con il relativo zaino Evoc E-Ride per trasportarla). Inoltre è presente la possibilità di personalizzare l’estetica, aggiungendo il proprio nome e modificando il settaggio della bicicletta attraverso le tarature di quest’ultima, a seconda del peso. Tutto questo semplicemente comunicando i propri dati a Ducati durante la fase d’ordine. Questa versione della RR sarà disponibile da Febbraio 2020 per un prezzo di 8.890 Euro.

Pensato per essere più accessibile senza perdere di qualità e non più come enduro vero e proprio, ma come All Mountain, la Mig S dispone di corse delle sospensioni più corte, forcella da 150 mm Marzocchi Bomber Z2 all’anteriore e ammortizzatore FOX Float DPS da 140 mm al posteriore. Il motore è ancora il Shimano Steps E8000, lo stesso della Mig RR, ruote Thok e-plus da 29” all’anteriore e 27,5” al posteriore ed infine una trasmissione Sram SX a 12 velocità. 4.699 Euro è il prezzo per questo modello e sarà possibile acquistarlo da Febbraio 2020.

Ducati pensa a tutti, anche a chi farà un uso cittadino e meno sportivo di questi mezzi. A questo scopo è stato presentato il E-Scrambler, modello che vuole rendere prestazioni, facilità e divertimento accessibili ai più. Dotato di un motore Shimano E7000, una batteria da 500 Wh e forcella a olio la E-Scrambler sarà disponibile da Febbraio 2020 al prezzo di 3.699 Euro.

Scrambler

Partendo dallo Scrambler 800 Icon Ducati ha deciso di dare un colore all’essenzialità, ed è per questo che oggi ci propone lo Scrambler 800 Icon Dark, una versione rivisitata dell’Icon dove è stato rimosso tutto il superfluo lasciando spazio all’essenziale senza dover rinunciare alle prestazioni e alla sicurezza, punto sul quale il CEO dell’azienda durante la presentazione si è soffermato molto. A testimonianza di ciò di serie ci sarà la presenza del Cornering ABS.

Questa versione Dark sarà disponibile già alla fine di questo Novembre a un prezzo più contenuto rispetto all’Icon di 8.390 Euro.

Infine, per il mondo Scrambler, è stato emanato un invito per visionare ad EICMA i due concept di Andrea Ferraresi, direttore del centro stile di casa Ducati. Il primo è ispirato al mondo motard, con due ruote da 17”, pneumatici slick e motore 800 cm³. Il secondo, chiamato Desert X, è basato sul motore 1100 cm³ e vuole celebrare la vittoria di Edi Orioli del 1990 alla Rally Dakar.

Diavel

Design, eleganza e prestazioni queste sono le caratteristiche che i modelli Diavel rappresentano in modo unico. Sono due i nuovi modelli proposti dalla casa di Borgo Panigale, entrambi caratterizzati da una colorazione specifica. Il nuovo Diavel 1260 Matt Black della versione standard disponibile già per questo fine Novembre a 20.290 Euro. Ed infine la nuova colorazione rossa per la versione S, ovvero la Diavel 1260 S Red, per celebrare la possente anima sportiva di questa moto. Questo modello prende spunto dalla versione Diavel Materico presentata in occasione della Milano Design Week del 9-14 Aprile 2019 e sarà disponibile a Febbraio 2020 a un prezzo di 23.190 Euro.

Multistrada

La già grande famiglia da touring di casa Ducati, che da poco ha festeggiato le 100.000 unità vendute, si amplia con l’aggiunta di un nuovo modello il 1260 S Grand Tour. Su questa gamma, dove la sicurezza, il comfort di guida, le prestazioni e la qualità del prodotto sono focus estremamente importanti per Ducati, il nuovo Grand Tour si presenta di serie con luci supplementari, il pack touring, il cavalletto centrale, le manopole alla guida e in aggiunta di nuovo ha il tappo del serbatoio ad apertura automatica e il TPMS, ovvero i sensori di pressione degli pneumatici che comunicano con il cruscotto in maniera wireless.

Tutto questo è già disponibile alla fine di Ottobre a un prezzo di 22.490 Euro, ovvero 1.500 Euro in più rispetto alla versione 1260 S.

Panigale

Eccoci arrivati alla categoria delle supersportive della casa rossa. Per la categoria Middle Way Bike, ovvero le sportive “più piccole” Ducati ci propone una nuovissima Panigale V2 Red Essence, basata sulla versione più aggiornata del motore Superquadro, un bicilindrico da 955 cm³ che riesce ad erogare 155 CV a 10.750 giri e 104 Nm di coppia a a 9.000 giri/minuto. Una moto molto curata con l’elettronica più evoluta, un cruscotto a colori e un pacchetto di specifiche che Ducati chiama Safe Performance, ovvero un pacchetto che comprende: ABS Cornering, controllo di trazione, controllo anti impennata, Ducati Quick Shift e il controllo del freno motore.

In particolare il DTC Evo 2, Ducati Traction Control, è stato notevolmente migliorato e perfezionato fino ad arrivare ad avere un 25% in più di efficienza, per poter così garantire una maggiore precisione nell’erogazione della potenza del motore alla ruota. La moto è stata concepita per un uso stradale, con rigidezze contenute per le sospensioni e 176 Kg di peso, tuttavia non disdegna l’utilizzo in pista, in quanto estremamente aggiornata e moderatamente potente, vuole perciò essere la moto ideale per i neofiti della pista.

Questo modello di Panigale V2 sarà disponibile a Dicembre di quest’anno ad un prezzo di 17.990 Euro.

Invece per la categoria Big Bike, la Panigale V4 e V4S, ricevono direttamente dalla Panigale V4R l’Aero-Body, ovvero la carenatura, e la presenza delle alette.

Il corpo delle nuove arrivate risulta essere più largo per offrire una maggiore protezione al pilota, un miglior raffreddamento per i liquidi e, anche grazie alle alette laterali, genera un maggior carico aerodinamico sulla ruota anteriore.

Questo carico va a contrastare l’alleggerimento della parte anteriore della moto che aumenta alle alte velocità, rendendola così più stabile e aderente al suolo, riducendo di conseguenza anche le impennate non desiderate e aumentando anche la stabilità della frenata.

La nuova Panigale nasce con l’obbiettivo di essere più facile da guidare, meno faticosa e più confidenziale possibile con il pilota rispetto alla propria versione precedente. Per fare ciò Ducati è andata a modificare il setup della moto. In particolare è stato alzato il centro di gravità, infatti la moto è stata alzata di 5 mm, migliorato il bilanciamento del peso, diminuito le rigidezze della moto a favore di una minor scomposizione, ed infine, per bilanciare la diminuzione di rigidezza è stato aumentato il pre-carico della forcella e per il posteriore si è sfruttato l’aumento dell’effetto di tiro-catena che si è inevitabilmente verificato alzando la moto.

Infine le ultime migliorie sono state fatte nell’erogazione della potenza da parte del motore. Un primo intervento è stato effettuato per migliorare la costanza a moto inclinata e un secondo intervento è stato fatto per limitare la coppia nelle marce basse consentendo così al controllo d’impennata di essere più efficiente e preciso. La Panigale V4 è equipaggiata di un pacchetto elettronico di ultima generazione basato sull’impiego di una piattaforma inerziale a 6 assi che gestisce un motore Desmosedici Stradale da 1.103 cm³ capace di erogare una potenza di oltre 155 kW (210 CV) a 13.000 giri, e una coppia massima di oltre 120 Nm da 8.750 a 12.250 giri/minuto.

La Panigale V4 viene proposta a un prezzo di 23.490 Euro e sarà disponibile dal Gennaio del 2020 mentre la Panigale V4S viene proposta a 28.790 Euro e sarà disponibile già dalla fine di questo Novembre.

Streetfighter

Per ultima, ma non per importanza, è stata presentata la nuova Streetfighter V4 per il mondo delle naked. Già pochi giorni fa, anticipando questo evento, Ducati aveva rilasciato un breve teaser sui propri social nel quale venivano mostrate alcune delle più cruciali caratteristiche di un nuovo allestimento per quella che si pensava potesse essere la Streetfighter. Finalmente abbiamo la conferma di quanto ci è stato anticipato. Ducati per creare questo modello si è basata su quello che ha chiamato “The Fight Formula” ovvero:

  • Desmosedici Stradale
  • Alette Aerodinamiche Biplano
  • Elettronica della Panigale V4
  • 178 Kg
  • Manubrio Rialzato
  • Carenature ridotte
  • 208 CV a 12.750 giri.

Con questa semplice formula, l’ingegno della sezione design di Ducati e l’ispirazione al Joker e al suo ghigno, ecco pronta una nuova accattivante, performante e adrenalinica Streetfighter V4.

Anche su questa moto si è fatto lo stesso discorso fatto per la Panigale V4 e V4S, Ducati ha deciso di aggiungere le alette per aumentare il carico aerodinamico sulla ruota anteriore, 28 Kg a 270 Km/h, creando così una maxi naked stabile, precisa e maneggevole avendo fino a un 14% di spinta in più a 100 Km/h rispetto alla stessa Panigale V4 e un 31% rispetto alla precedente Streetfighter 1098.

Anche su questa potentissima naked è presente il pacchetto Safe Performance, infatti, la nuova Streetfighter è una moto pensata per un uso stradale, anche la posizione in sella e la sella stessa sono state studiate per un maggior comfort alla guida.

Entrambe le versioni la Streetfighter V4 e V4S saranno disponibili a Marzo del 2020 a un prezzo, corrispettivamente, di 19.990 Euro e 22.990 Euro.

Dopo questo Ducati World Première 2020 il prossimo incontro sarà ad EICMA, in occasione del quale sarà possibile toccare con mano i nuovi modelli della casa.