Trasporti

Emilia 4, l’auto solare italiana che consuma come un phon

Si chiama Emilia 4 la vettura italiana a energia solare che parteciperà tra circa un mese all'American Solar Challenge. Successore della Emilia III di cui avevamo parlato tempo fa, questa nuova vettura raggiunge la velocità di picco di 110 chilometri orari consumando una quantità di energia pari a quella di un asciugacapelli.

Sviluppata da Onda Solare, ormai ha un'esperienza più che decennale nel settore, e rispetto ai modelli precedenti ha un design nuovo ispirato anche da una gara internale di idee, impiegando materiali quali resine/fibre "green" o ibridate e inserendo freni al carbonio. La nuova vettura così rinnovata dispone di 4 posti a sedere, pesa meno di 300 kg e ha un'autonomia di 200 Km.  Il risultato è stato ottenuto anche grazie a sponsor del calibro di Enel Green Power, Avio, l'Alma Mater Studiorum Università di Bologna e il fondo UE per lo sviluppo regionale della Regione Emilia-Romagna.

Emilia 4+

Emilia 4 è pronta per sfidare le vetture concorrenti realizzate da atenei prestigiosi di Giappone, Germania e Stati Uniti, che godono di budget milionari grazie alla sponsorizzazione di multinazionali quali Panasonic, Yamaha e Ford. Ma soprattutto questa auto ha il merito di essere la prima italiana a energia solare che auspica di essere omologata per circolare su strada. In attesa di ulteriori sviluppi la nuova vettura percorrerà 3.460 Km fra Nebraska e Oregon, a una velocità media di 60 Km orari.  

disegni

Quando venne presentata Emilia 3 il responsabile Marco Bianucci, ricercatore dell'Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche (Ismar-Cnr) di Bologna l'aveva definita "un gioiello paragonabile a quelli della Formula 1, con soluzioni tecnologiche che non hanno nulla da invidiare alle auto che saranno sponsorizzate dalla Panasonic o da grandi case automobilistiche. Gli stessi team internazionali vengono a cercare le tecnologie all'avanguardia da noi perché in fondo la zona emiliana è quella in cui vengono sviluppate le tecnologie più importanti per la meccanica delle automobili". Rispetto a quei tempi il budget è migliorato di molto, ora si aggira attorno ai due milioni di euro: sempre poco in confronto ai concorrenti, ma i passi avanti si preannunciano notevoli. Facciamo il tifo per l'Italia!  

 


Tom's Consiglia

L'auto a energia solare vi incuriosisce? Prendete confidenza con questa tecnologia usando questo modellino SODIAL, una macchina giocattolo che si presenta come la più piccola automobile ad energia solare al mondo.