Auto

Fiat 500X Yachting, ecco il primo SUV cabrio del marchio italiano

Con alcuni giorni d’anticipo, è stato svelato il primo SUV “cabrio” della casa automobilistica con sede a Torino, la nuova Fiat 500X Yachting. Infatti, grazie ad un video pubblicato su Instagram dallo stesso amministratore delegato di Fiat, Olivier François, è stato possibile dare una prima occhiata alla nuova, attesissima, serie speciale. Il video mostra, quindi, i primi dettagli che andranno a caratterizzare il SUV e, una delle peculiarità riguarda la presenza di una capote in tela retrattile che richiama molto a quella utilizzata per la 500C. Inoltre, sembrerebbe che la copertura della Fiat 500X Yachting si chiuda elettricamente scoprendo solamente i sedili lasciando quindi coperto il lunotto posteriore, il quale risulta essere fisso. Il filmato divulgato sui social, è stato accompagnato da una breve descrizione: “Bentornata dolce vita! Domani l’Italia riapre e sul mercato arriverà la prima 500X open air”.

La casa automobilistica italiana, dunque, dovrebbe essere già partita con i primi ordini del nuovo SUV che sarà prodotto nella fabbrica di Melfi. Sino ad ora, non sono state divulgate informazioni in merito alle motorizzazioni anche se, essendo una serie top di gamma, potrebbe essere disponibile sul mercato con i motori maggiormente performanti, dunque con l’1.3 T4 in grado di erogare 150 CV e l’1.6 MultiJet da 130 CV.

Il video anticipa anche quelli che saranno alcuni dei contenuti che andranno a caratterizzare la nuova serie Fiat 500X. Dunque, è indiscutibile che il look della Yachting sarà evidenziato da una colorazione blu esclusiva per la carrozzeria, anche se vi è la possibilità che il veicolo possa essere disponibile anche in colorazioni differenti. Il suo aspetto è inoltre caratterizzato da finiture molto eleganti, non manca infatti il logo Yachting posizionato sul passaruota anteriore e alcuni badge dello Yacht Club Capri sui montanti centrali. Ovviamente, la nuova serie speciale dedicata allo Yacht Club di Capri riprenderà più volte il logo dell’associazione, infatti sarà presente anche sul tunnel centrale.