Ibride e Elettriche

Ford, entro fine anno al via il primo servizio di robotaxi

Al via al nuovo servizio di taxi a guida autonoma a partire da fine 2021 grazie a Ford, Argo AI e Lyft. Non a caso, la collaborazione tra la casa automobilistica statunitense, lo specialista in soluzioni di guida autonoma Argo AI e il network in servizi di trasporto Lyft porterà all’avvio del più grande servizio di corse di robotaxi al mondo nella città di Miami nel 2021 e di Austin nel 2022.

Nel dettaglio, l’accordo prevede l’utilizzazione da parte di Argo dei dati anonimi della flotta di Lyft cosi da creare soluzioni che permettano di costruire un’attività sostenibile. Secondo quanto diffuso, la stessa Argo AI ha ricevuto circa 3,6 miliardi di dollari dalla casa automobilistica Ford e dal Gruppo Volkswagen, mentre Lyft ha ottenuto il 2,5% di quote di Argo AI. Tuttavia, il progetto di Ford, Argo AI e Lyft partirà anche con il coinvolgimento di altre aziende partner.

Secondo quanto diffuso, il servizio taxi a guida autonoma metterà inizialmente in servizio 100 Ford Escape, ognuna con due tecnici a bordo. Nel dettaglio, il piano prevede di iniziare con le prime corse e di espandersi successivamente su larga scala a partire dal 2023 con l’obiettivo di giungere a 1.000 taxi a guida autonoma nelle città statunitensi dove Argo AI ha sperimentato i suoi sistemi.

Si potrà andare da un indirizzo all’altro senza percorsi fissi, proprio come un qualsiasi taxi che chiameresti oggi, con l’unica differenza che qui, a guidare, sarà un robot, ha affermato in un’intervista Bryan Salesky, CEO di Argo AI.

La possibilità di prenotare la corsa tramite app aiuterà a normalizzare questa nuova tecnologia, soprattutto agli occhi di quei consumatori che sono ancora riluttanti a fidarsi di un un’auto guidata da un computer. Vogliamo aiutarli in questa transizione in modo che considerino questa tecnologia una valida opzione di trasporto. Per arrivare a ciò, faremo in modo che le corse standard e quelle robot abbiano lo stesso prezzo, rendendo l’esperienza simile a qualsiasi altra corsa su Lyft, ha aggiunto Jody Kelman, capo dell’unità autonoma di Lyft. 

Come si legge nella nota, le auto non avranno percorsi preimpostati e tutti i passeggeri potranno scegliere il percorso da effettuare. Ribadiamo, inoltre, che oltre al servizio taxi, le Ford Escape a guida autonoma verranno utilizzate per la consegna di generi alimentari e altri piccoli oggetti in partnership con altre aziende di cui il CEO di Argo AI Salesky non ha rilasciato informazioni.

Questa collaborazione rappresenta la prima volta in cui tutti i pezzi del puzzle hanno trovato una loto posizione. Ogni azienda porta la conoscenza e la capacità nella propria area di competenza necessaria per rendere il trasporto autonomo una realtà, ha commentato il CEO di Lyft, Logan Green.