Trasporti

I giapponesi chinano la testa di fronte alla sicurezza ferroviaria italiana: siete i migliori

Scusi dov'è Tokyo? In Puglia, a Monopoli, città che ospita l'avanguardia mondiale per le tecnologie diagnostiche in ambito ferroviario e gli aerei ultraleggeri in fibra di carbonio (Blackshape). Così mentre da noi si discute e polemizza sul ruolo del Mezzogiorno, la Mermec ha convinto i giapponesi della JR-West  ad acquistare la loro tecnologia per la sicurezza della rete ferroviaria Shinkansen, quella che ospita i cosiddetti "treni proiettile" (dangan ressha) da più di 300 km\h.

mermec v-cube
Mermec V-Cube

E' un'Italia che fa inorgoglire quella che racconta il fondatore Vito Pertosa. "La vendita non è stata facile. Hanno ingegneri leader nel settore elettronico, eppure non sono riusciti a raggiungere i nostri parametri. Dopo aver girato il mondo sono venuti in Italia. Hanno effettuato test (in situazioni protette e sicure, NdR.), messo difetti nascosti sulle linee e poi verificato con le nostre apparecchiature il monitoraggio. In pratica hanno fatto un esame al microscopio".

E il risultato è che i giapponesi hanno dovuto riconoscere non solo che la tecnologia Mermec è la migliore ma anche che le linee italiane sono le più sicure al mondo. Senza le Ferrovie dello Stato infatti non sarebbe stato neanche possibile procedere con i test sul campo.

jr west 700
JR-West N700

Cosa fa realmente il sistema "VQube" di Mermec? Monitora le linee ferrovie analizzando ben 40 parametri diversi come la presenza di fessure nelle traverse e micro-fratture sulle teste dei binari, la quantità di ballast (pietrisco), il serramento degli attacchi, etc. In pratica vengono allestite specifiche motrici, con telecamere avanzate e sensori, che percorrono le linee. Un lavoro che un tempo facevano esclusivamente gli addetti alla manutenzione, a vista. Oggi ci si affida all'uomo e alla tecnologia – in Svizzera ad esempio ormai è tutto automatizzato.

mermec difetti
Anomalie sui binari

"La rete ferroviaria italiana è la prima al mondo sulla tecnologia di sicurezza. I nostri treni andranno anche più veloci di quelli giapponesi. L'ultimo Frecciarossa 1000 può raggiungere i 400 km\h", ricorda Pertosa. E allora cosa manca all'Italia per raggiungere l'efficienza giapponese? "Investimenti nel sistema ferroviario, che in Giappone è quasi obbligatorio considerata la densità della popolazione e il territorio. Poi non bisogna dimenticare che i costi dei loro biglietti sono elevatissimi".

La commessa JR-West frutterà all'azienda con sede a Monopoli fino a 50 milioni di euro nei prossimi anni. E allora un po' di orgoglio, perché progettare il futuro della ferrovia mondiale con le finestre che danno sul mare e sugli olivi della Puglia è innovazione "disruptive", come direbbero gli americani.