Motorsport

Il circuito di Spa si trasforma in Venezia: rimandate tutte le gare

Spa-Francorchamps, uno dei circuiti simbolo del Mondiale di Formula 1, è stato vittima di una gigantesca calamità naturale che ha danneggiato seriamente il circuito belga. Una pioggia battente ha sferzato il paese belga non risparmiando neanche il circuito delle Ardenne che è stato letteralmente invaso da una quantità d’acqua e fango che ha inondato tunnel e box.

Niente da fare quindi per gli attesi Lotus Cup e Legend Cars Cup, in programma lo scorso weekend, a causa delle condizioni irrecuperabili del tracciato. Secondo quanto riportato dalla direzione di gara, non solo si sarebbe verificato un allagamento diffuso in tutto il circuito e nei paddock, ma a causa delle forti inondazioni in alcuni tratti del tracciato l’acqua avrebbe addirittura sollevato il manto stradale rendendo di fatto la pista inagibile.

Il Gran Premio di Formula 1 è atteso per il prossimo agosto e ora di quel momento si spera che il circuito sia agibile e pronto per essere pienamente sfruttato. L’allagamento si è verificato mentre erano stati avviati i primi lavori necessari al rinnovamento del circuito, al fine di adattarlo agli standard attuali in materia di sicurezza. Un’azione da oltre 80 milioni di euro che includerebbe la posa di nuove strutture, tribune e palchi VIP. Attesa inoltre l’introduzione di via di fuga in ghiaia, molto più sicure delle attuali presenti nel circuito belga.

Nel giugno 2022 la pista ospiterà la 24 Ore di Spa per le moto dopo un’assenza di 20 anni dal Campionato Mondiale FIM Endurance e, del prossimo anno, il circuito deve essere aggiornato. La direzione ha dichiarato che tutte le parti danneggiate dall’alluvione verranno ripristinate e che il manto stradale sarà presto sostituito con uno fresco di posa. Di seguito vi riportiamo alcuni tweet pubblicati da piloti e addetti ai lavori: