Auto

Jaguar I-Pace, maggiore autonomia con l’aggiornamento del software

Jaguar I-Pace riceve importanti ottimizzazioni grazie ad un aggiornamento del software. La casa britannica, basandosi sul know how conseguito in occasione delle gare fatte con I-Pace eTrophy al campionato del mondo di Formula E, è giunta all’implementazione di importanti miglioramenti nel suo suv elettrico.

Perfezionamenti che migliorano performance ed esperienza di guida. Jaguar I-Pace sarà potenziata con un’autonomia extra di 20 km mediante l’ aggiornamento del software che sarà possibile installare gratuitamente su tutti i veicoli elettrici semplicemente recandosi presso le concessionarie. L’aggiornamento riguarderà fondamentalmente l’ottimizzazione di autonomia ed efficienza del veicolo.

Il Vehicle Engineering Manager di I-Pace, Stephen Boulter, ha dichiarato:

“Il Jaguar I-Pace eTrophy ha generato una notevole quantità di dati da analizzare. Dalle gare in pista abbiamo ottenuto dei marginali miglioramenti, che ora verranno applicati alle auto dei nostri clienti per migliorare ulteriormente la loro esperienza di guida. I nuovi aggiornamenti software ottimizzano i sistemi di gestione del propulsore, incrementando l’efficienza e consentendo ai conducenti di I-Pace di poter usufruire di una maggiore autonomia con una singola ricarica, senza modifiche sostanziali all’hardware. È proprio il caso dire che la vettura migliora con il passare del tempo”.

Le prestazioni del suv verranno pertanto incrementate di 20 km migliorando dell’8% la propria autonomia, che potrà variare a seconda dell’uso. Ciò nonostante, Jaguar ha reso noto che la valutazione sull’attuale autonomia di 470 km, basata sul ciclo WLTP europeo, rimarrà la medesima. Inoltre, l’aggiornamento influirà anche sul sistema di trazione della vettura: il perfezionamento della distribuzione della coppia tra motore anteriore e posteriore garantirà una migliore efficienza della vettura in modalità Eco. Infine, piccole modifiche da parte del costruttore sono state effettuate sul sistema di frenata rigenerativa.

Grazie al nuovo aggiornamento del software offerto dalla casa britannica si avrà anche la possibilità di usufruire della funzione OTA (Over-The-Air) per i successivi update.